Birmania: ancora migliaia in piazza contro giunta militare

Nella notte arresti tra i leader dell'opposizione, uno ucciso

 Migliaia di manifestanti sono tornati a scendere oggi in piazza in diverse città della Birmania per protestare contro la giunta militare che ha preso il potere con un colpo di Stato e la polizia ha nuovamente fatto uso di armi da fuoco, secondo quanto affermato da fonti dell'opposizione. I raduni sono avvenuti nonostante i raid effettuati la scorsa notte durante i quali sono stati arrestati alcuni leader del partito di Aung San Suu Kyi e uno di loro, ancora secondo l'opposizione, è morto dopo essere stato picchiato. Durante una manifestazione a Bagan, celebre per le sue pagode centenarie, sono state udite delle detonazioni e un giovane di 18 anni è stato colpito da un proiettile alla mandibola, secondo i soccorritori. Un sito d'informazioni locale parla di cinque feriti. A Rangoon, principale città e centro economico della Birmania, la polizia ha nuovamente sparato per disperdere i raduni, mentre i manifestanti scandivano lo slogan 'Cacciamo il dittatore". Cioè il capo della giunta militare, Min Aung Hlaing.
    La scorsa notte nella stessa Rangoon sono stati arrestati dirigenti della Lega nazionale per la democrazia (Lnd), il partito di Aung San Suu Kyi, capo di fatto del governo civile deposto con il colpo di Stato del primo febbraio. Un responsabile locale dell'Lnd, Khin Maung Latt, di 58 anni, è stato ucciso secondo fonti dell'opposizione. "E' stato picchiato e poi portato via da casa sua, e non è sopravvissuto al duro interrogatorio al quale è stato sottoposto", ha detto Tun Kyi, un ex prigioniero politico.

Accusato di crimini contro l'umanità, di aver preso il potere in maniera illegale e uccidere i manifestanti, l'esercito birmano sta cercando di riabilitarsi all'estero reclutando un ex funzionario dell'intelligence militare israeliana diventato lobbista per la difesa di clienti controversi. Lo scrive il Guardian. Ari Ben-Menashe, lobbista israeliano-canadese nato a Teheran, è stato assunto dall'esercito birmano per per "aiutare a spiegare la reale situazione nel Paese". Ben-Menashe, ex trafficante di armi, ha lavorato per l'ex presidente dello Zimbabwe Robert Mugabe, per la giunta militare del Sudan e per candidati presidenziali in Venezuela , Tunisia e Kirghizistan. Annuncio pubblicitario L'uomo ha confermato l'accordo in alcune interviste spiegando che riceverà "una grande somma" di denaro e un bonus se le sanzioni militari contro i leader militari birmane verranno revocate. Ben-Menashe ha spiegato i generali birmani hanno fatto un contratto con la sua società di consulenza politica, Dickens & Madson Canada, per aiutarli a comunicare con gli Stati Uniti e altri Paesi che, secondo lui, li hanno "fraintesi".

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie