Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Respinta in Paraguay la mozione contro l'ex presidente Abdo

Respinta in Paraguay la mozione contro l'ex presidente Abdo

E' accusato di aver filtrato documenti contro avversari politici

ASUNCION, 02 aprile 2024, 19:34

Redazione ANSA

ANSACheck

© ANSA/EPA

Prosegue la guerra intestina all'interno della coalizione di governo del Paraguay tra la fazione che fa capo all'ex presidente Horacio Cartes (2013-2018) e all'attuale capo dello Stato, Santiago Pena, con quella guidata da un altro ex presidente, Mario Abdo Benitez (2018-2023).
    Nell'ambito di questo scontro la commissione Affari Costituzionali ha respinto oggi una mozione per revocare l'immunità di Abdo Benitez come senatore a vita. Il predecessore di Pena è accusato di "aver messo in piedi durante il suo governo un sistema per generare inchieste giudiziarie contro i suoi avversari politici con l'obiettivo di indebolirli".
    Un'accusa questa che viene respinta al mittente da Abdo Benitez i cui avvocati hanno presentato a loro volta documenti che dimostrerebbero contatti tra Cartes e gli attuali vertici della Procura con l'obiettivo di estrometterlo. Cartes - padrino politico dell'attuale presidente Pena - è stato sanzionato nel 2022 dal governo degli Stati Uniti per il suo coinvolgimento in "significativi atti di corruzione".
    "Horacio Cartes ha utilizzato la presidenza per ostacolare un'inchiesta sul crimine transnazionale e sulla sua partecipazione in attività corrotte inclusi i legami con organizzazioni terroristiche ed entità già sanzionate dagli Stati Uniti", aveva affermato l'ambasciatore Usa ad Asuncion, Marc Ostfield, annunciando le sanzioni.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza