Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Milei insiste nella 'riconciliazione con le forze armate'

Milei insiste nella 'riconciliazione con le forze armate'

Discorso nell'anniversario della guerra delle Falkland-Malvinas

BUENOS AIRES, 02 aprile 2024, 16:37

Redazione ANSA

ANSACheck

© ANSA/EPA

Il presidente argentino, Javier Milei, ha ribadito la sua volontà di promuovere una 'nuova era di riconciliazione' con le forze armate a cui il suo governo concederà "il rispetto che gli è stato sempre negato" fin dal ritorno della democrazia nel 1983.
    Lo ha affermato nel suo discorso in occasione della commemorazione del 42mo anniversario dell'inizio della guerra delle Falkland-Malvinas intrapresa dal governo militare del generale Leopoldo Galtieri.
    "Non c'è sovranità né rispetto internazionale se la dirigenza politica non rispetta le forze armate, e quel tempo è finito", ha detto il leader ultraliberista.
    Milei ha quindi invitato i rappresentanti dello Stato maggiore delle forze armate a partecipare alla convocazione per il cosiddetto 'Patto di Maggio', che riunisce in dieci punti il programma di equilibrio fiscale e di riforme (fiscale, del lavoro e della previdenza) del governo.
    "Sarà il primo passo di una nuova dottrina", ha assicurato il leader ultraliberista, accompagnato nell'occasione dalla vicepresidente Victoria Villaruel, figlia di un veterano della guerra e conosciuta per la sua posizione di rivendicazione del ruolo dei militari anche durante la dittatura.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza