Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Dissidente venezuelano ucciso in Cile, i resti in una valigia

Dissidente venezuelano ucciso in Cile, i resti in una valigia

Il tenente Ojeda rapito giorni fa. Protesta delle opposizioni

CARACAS, 03 marzo 2024, 17:27

Redazione ANSA

ANSACheck
© ANSA/EPA
© ANSA/EPA

© ANSA/EPA

L'opposizione venezuelana al governo di Nicolas Maduro ha chiesto alle autorità del Cile di punire i responsabili della morte dell'ex tenente dell'esercito venezuelano Ronald Ojeda Moreno, il cui corpo senza vita è stato ritrovato venerdì notte a Santiago a nove giorni dal rapimento nella capitale cilena dove viveva come rifugiato politico.
    "Chiediamo che lo Stato cileno approfondisca le indagini su questo crimine riprovevole affinché autori materiali e intellettuali siano identificati e puniti", si legge in una nota della Piattaforma Unitaria Democratica (Pud) su X. Per la Pud l'omicidio è avvenuto infatti "in circostanze ancora da chiarire", ricordando che Ojeda "era rifugiato politico in Cile a causa della persecuzione politica di cui era vittima nel suo Paese".
    Il caso Ojeda ha suscitato sin dal principio molte polemiche in Venezuela dove il partito anti-chavista Voluntad Popular (Vp) ha collegato il caso alla politica dal momento che il nome di Ojeda figurava nell'elenco diffuso a fine gennaio dal ministero della Difesa venezuelano con i nomi di 33 soldati espulsi dalle forze armate perché "coinvolti in cospirazioni" che includevano l'assassinio di Maduro.
    "Le autorità cilene devono chiarire se autorità o qualsiasi gruppo di intelligence o controspionaggio del regime di Maduro abbiano avuto qualche tipo di partecipazione a questo abominevole crimine", riferiva una nota di Vp.
    Dal canto suo, dopo il ritrovamento del corpo del 32enne - i cui resti si trovavano in una valigia sotterrata a 1,4 metri di profondità sotto una spessa lastra di cemento - il procuratore titolare del caso Hector Barros ha parlato di una "indagine complessa, legata alla criminalità organizzata", annunciando l'individuazione di tre dei quattro sospettati.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza