Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Colonnello assolto per il massacro di contadini in Guatemala

Colonnello assolto per il massacro di contadini in Guatemala

Chiroy comandò la repressione di una protesta nel 2012

CITTA DEL GUATEMALA, 29 febbraio 2024, 08:28

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Un tribunale guatemalteco ha assolto un colonnello per l'uccisione di sei contadini durante una protesta nell'ovest del Paese avvenuta il 4 ottobre 2012. Juan Chiroy Sal "non ha mai sparato con il fucile", ha sostenuto la giudice Eugenia Castellanos, del Tribunale ad alto rischio B, per giustificare l'assoluzione del militare dal reato di esecuzioni extragiudiziali. Nella stessa sentenza sono invece stati condannati altri sette soldati per vari crimini.
    Il caso, conosciuto come il 'Massacro del vertice dell'Alaska', in riferimento al nome del tratto di strada in cui avvenne l'omicidio dei dimostranti, è considerato il primo massacro commesso dall'esercito guatemalteco dalla firma degli accordi di pace nel 1996, che pose fine ad un conflitto armato interno durato più di tre decenni (1960-1996).
    Lo scontro che portò alle esecuzioni avvenne durante una manifestazione delle comunità indigene, che si opponevano all'aumento del costo dell'elettricità. I soldati guidati dal colonnello Chiroy furono incaricati di sgomberare la strada.
    I sopravvissuti al massacro hanno criticato l'assoluzione di Chiroy e assicurato che ricorreranno in appello.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza