Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Tornato in Colombia l'ex para Mancuso, sarà gestore di pace

Tornato in Colombia l'ex para Mancuso, sarà gestore di pace

Fu comandante delle Autodifese unite della Colombia (Auc)

BOGOTÁ, 28 febbraio 2024, 10:43

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

 Dopo 15 anni, e dopo aver scontato una lunga pena detentiva negli Stati Uniti per traffico di droga, l'ex comandante paramilitare delle Autodifese unite della Colombia (Auc), è tornato oggi nel suo Paese, con la promessa di contribuire alla pace locale e senza "spirito revanscista".
    In una lettera diffusa a Bogotà contemporaneamente al suo ritorno Mancuso, di famiglia italiana, ha assicurato di "non essere portatore di alcuno spirito di vendetta" e di "non avere conti in sospeso con nessuno".
    Vengo - ha sottolineato - per soddisfare ile esigenze delle vittime (della guerra civile colombiana, ndr.) delle istituzioni dello Stato e della società in generale, affinché mi permettano, ancora una volta, di farne ancora parte".
    Rientrato in Colombia su un volo commerciale insieme a decine di deportati dagli Usa, è stato trasferito in una prigione a Bogotá sotto un rigido regime di sicurezza.
    In un primo tempo Mancuso aveva chiesto di trasferirsi in Italia, da dove venne suo padre, ma poi ha invece ha accettato l'offerta del presidente Gustavo Petro che gli ha proposto di trasformarsi in un 'gestore di pace' nell'ambito dell'attività della Giurisdizione speciale per la pace (Jep), tribunale costituito per esaminare i reati commessi dalle parti (guerriglia, paramilitari e forze armate) coinvolte negli anni della guerra civile colombiana.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza