Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

La dengue si estende a macchia d'olio in America Latina

La dengue si estende a macchia d'olio in America Latina

Salgono i casi in Brasile, Perù, Argentina e Messico

RIO DE JANEIRO, 28 febbraio 2024, 10:28

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Si estende l'allarme dengue in America Latina: dopo il milione di contagi sfiorato nei primi due mesi dell'anno in Brasile e lo stato di emergenza decretato in Perù, sono saliti sensibilmente i casi anche in altri Paesi della regione.
    In Argentina, da luglio 2023 sono già 57.210 le infezioni registrate finora dal ministero della Salute, la maggior parte delle quali endemiche.
    Numero drammatici anche in Messico, dove i casi della malattia sono aumentati quasi cinque volte quest'anno rispetto allo stesso periodo del 2023, passando da 958 a 5.439.
    L'epicentro del fenomeno è nello Stato meridionale di Guerrero, che concentra quasi il 40% dei casi (2.071), in gran parte per effetto dell'uragano Otis, che ha colpito la regione con venti di oltre 200 chilometri all'ora, provocando almeno 50 morti lo scorso 25 ottobre nella località turistica di Acapulco.
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza