Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

'Israele pronto a 6 settimane di tregua, palla ad Hamas' 

'Israele pronto a 6 settimane di tregua, palla ad Hamas' 

Gli Usa lanciano gli aiuti aerei, Gantz a Washington da Harris 

ROMA, 03 marzo 2024, 09:13

di Luca Mirone

ANSACheck
Gaza, media: 17 morti in raid su Deir Balah e Jabalia -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Gaza, media: 17 morti in raid su Deir Balah e Jabalia - RIPRODUZIONE RISERVATA

Gaza RIPRODUZIONE RISERVATA © ANSA/AFP

Si intravedono spiragli per una lunga tregua a Gaza che favorisca un nuovo scambio di prigionieri. Secondo Washington, Israele ha accettato "più o meno" l'intesa per una pausa delle ostilità di sei settimane, e "la palla ora è in mano ad Hamas".

L'obiettivo resta quello di un'intesa prima dell'inizio del Ramadan, il 10 marzo, ma come sempre la trattativa resta appesa ad un filo, anche perché il governo Netanyahu appare irremovibile su un punto: la fazione palestinese deve consegnate la lista degli ostaggi ancora vivi. In attesa di un cessate il fuoco, sono aumentati gli sforzi internazionali per l'assistenza umanitaria.

Gli Stati Uniti, dopo l'annuncio di Joe Biden, hanno dato il via all'operazione aiuti con gli aerei militari, lanciando gli aiuti per la popolazione. Dopo numerosi stop and go, la capitale egiziana tornerà al centro del negoziato. Domani, secondo fonti della sicurezza del Cairo, riprenderanno i colloqui per arrivare ad un cessate il fuoco che consenta il rilascio di altri ostaggi.

 

Per Israele, ha chiarito un alto funzionario diplomatico, la questione chiave non è il ritorno dei civili nel nord della Striscia, ma l'identità degli ostaggi che verranno rilasciati da Hamas, così come il numero dei prigionieri palestinesi liberati per ogni ostaggio. La fazione palestinese, finora, non ha risposto a queste domande, e Israele si aspetta di ricevere notizie non più tardi di lunedì, ha aggiunto il diplomatico. Mentre un funzionario dell'amministrazione Biden ha confermato che "gli israeliani l'hanno più o meno accettato" di chiudere: l'idea sarebbe quella di "un cessate il fuoco di sei settimane, se Hamas acconsentisse a rilasciare gli ostaggi vulnerabili". Sugli ostaggi monta anche le pressione dei cittadini israeliani nei confronti del loro governo. In decine di migliaia sono scesi in strada a Gerusalemme, chiedendo che tutti tornino a casa. Sul terreno le forze armate dello Stato ebraico hanno continuato l'offensiva contro Hamas bombardando praticamente su tutta la Striscia. 

Nella cronaca di quest'ennesima giornata di conflitto fonti palestinesi hanno segnalato raid su alcune case a Deir al-Balah e a Jabalia, rispettivamente nel centro e nel nord, che avrebbero provocato almeno 17 morti. Oltre 10 vittime sono state contate nel sud, a Rafah, dove è stata centrata una tenda di sfollati. Tutto questo mentre resta ancora forte lo shock per la strage di palestinesi di giovedì scorso, oltre 100 morti e 700 feriti, durante la consegna degli aiuti. Secondo il direttore dell'ospedale al-Awda di Jabalia, dove sono stati portati molti dei feriti, circa l'80% di loro presentavano lesioni di arma da fuoco. Anche l'Onu, che ha visitato la struttura, lo ha confermato. L'esercito israeliano invece ha ribadito che la maggior parte delle persone sono morte nella calca. Ed ha definito "infondata l'affermazione che abbiamo attaccato intenzionalmente il convoglio. Eravamo lì per proteggere quell'operazione", ha assicurato un portavoce dell'Idf. Intanto l'Ue, attraverso l'alto rappresentante Joseph Borrell, è tornata a chiedere "un'indagine internazionale imparziale". La consegna degli aiuti resta la sfida principale per Gaza, nella misura in cui l'Oms ha denunciato che almeno dieci bambini sono morti per malnutrizione negli ultimi giorni. Anche gli Stati Uniti sono scesi in campo direttamente: tre C-130 dell'Air Forces Central hanno lanciato 66 pacchi contenenti circa 38.000 pasti. Seguendo l'esempio di Egitto, Giordania, Emirati e Francia. La radio militare israeliana ha descritto l'intervento dell'aviazione Usa come "un chiaro segno di insoddisfazione" di Washington nei confronti dell'alleato per la grave situazione umanitaria nella Striscia. Lo stesso Biden ha sottolineato che gli aiuti che arrivano sono "insufficienti", e dall'amministrazione si rileva che "l'ingresso di assistenza via terra" resti necessaria. Di questo e di tanto altro si parlerà lunedì negli Stati Uniti, dove è atteso Benny Gantz, per incontrare la vicepresidente Kamala Harris ed il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan.. 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza