Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Morto Zong, il miliardario cinese che sfidò la Coca Cola

Morto Zong, il miliardario cinese che sfidò la Coca Cola

Di umili origini, costruì un impero e piegò Danone

PECHINO, 26 febbraio 2024, 17:14

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Zong Qinghou, il miliardario self-made man fondatore di uno dei più grandi gruppi di bevande in Cina, è morto domenica all'età di 79 anni dopo una lunga malattia. Hangzhou Wahaha, lo ha comunicato in una breve dichiarazione, senza fornire ulteriori dettagli, in linea con lo spirito schivo dell'imprenditore di umili origini partito dalle piccole attività di un chioschetto fino a diventare l'uomo più ricco del Dragone e a sfidare il potere della Coca Cola.
    In Cina, per questo motivo, Zong era noto come un uomo d'affari leggendario, capace di costruire un impero di bibite analcoliche da un triciclo che vendeva ghiaccioli ai bambini delle scuole, con un portafoglio di prodotti capace di spaziare dalle bevande a base di latte all'acqua in bottiglia e al porridge in lattina. Era stato anche acclamato come un eroe nazionale per aver lottato più di 10 anni fa per il pieno controllo di Wahaha, che significa "bambino che ride", contro il suo partner francese Danone. La vittoria in quell'aspra battaglia portò le sue fortune a 8 miliardi di dollari, rendendolo l'uomo più ricco della Cina nel 2010 e di nuovo nel 2012 e nel 2013, secondo le tradizionali classifiche stilate da Forbes.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza