Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

La rivelazione: 'Navalny doveva essere rilasciato in cambio di un ufficiale russo'

La rivelazione: 'Navalny doveva essere rilasciato in cambio di un ufficiale russo'

Secondo una collaboratrice della Fondazione, l'accordo era arrivato alla fase finale. Abramovich consegnò la proposta a Putin

MOSCA, 26 febbraio 2024, 18:05

Redazione ANSA

ANSACheck

Alexei Navalny - RIPRODUZIONE RISERVATA

Alexei Navalny -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Alexei Navalny - RIPRODUZIONE RISERVATA

Maria Pevchikh, dirigente della Fondazione anticorruzione di Alexei Navalny, ha confermato che l'oppositore doveva essere rilasciato nell'ambito di uno scambio di prigionieri con gli Usa e la Germania. Lo scambio, ha aggiunto, doveva portare al rilascio anche di due cittadini americani detenuti in Russia in cambio di Vadim Krasikov, ex colonnello dei servizi di sicurezza russi Fsb, detenuto in Germania per omicidio. 

In un video Pevchikh afferma che l'accordo era in una fase finale dopo due anni di trattative e che la proposta definitiva era stata consegnata al presidente russo Vladimir Putin da Roman Abramovich. Essa prevedeva la liberazione, insieme con Navalny, dei cittadini ameriani Evan Gershkovich e Paul Whelan, detenuti in Russia con l'accusa di spionaggio. Sempre secondo Pevchikh, Putin avrebbe però deciso di uccidere Navalny, che riteneva troppo pericoloso, per poi ottenere la liberazione di Krasikov con un altro detenuto politico. La collaboratrice di Navalny ha anche accusato funzionari americani e tedeschi di avere fatto ritardare il possibile scambio a causa della loro passività. Questi funzionari "annuivano in modo comprensivo, dicevano che era giusto aiutare Navalny e i prigionieri politici, stringevano mani e promettevano, ma non facevano niente", ha affermato Pevchikh. La collaboratrice di Navalny ha aggiunto che il team dell'oppositore ha cercato anche l'aiuto di quelli che ha definito influenti "amici di Putin", tra i quali ha citato Henry Kissinger. "Lo menziono perché è morto, e comunque non ha aiutato", ha sottolineato. "Ma - ha affermato ancora - ci sono stati quelli che hanno aiutato e non vogliono che siano rivelati i loro nomi, ma sono grata a ciascuno di loro". Secondo Pevchikh, l'accordo poteva essere chiuso già nella primavera del 2023, ma poi soltanto lo scorso dicembre si è tornati a lavorarci in modo attivo, fino alla possibile conclusione, in questo mese di febbraio.
   

Il team di Navalny cerca sala per funerali pubblici

"Stiamo cercando una sala per l'addio pubblico ad Alexei, alla fine di questa settimana lavorativa". Lo scrive su X la ex portavoce dell'oppositore del Cremlino, Kira Yarmysh.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza