Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

La moglie di Assange: 'Nel caso sull'estradizione si decide se vivrà o morrà'

La moglie di Assange: 'Nel caso sull'estradizione si decide se vivrà o morrà'

Oggi iniziano due udienze cruciali all'Alta Corte britannica. Anche una delegazione M5S a Londra

LONDRA, 20 febbraio 2024, 12:18

Redazione ANSA

ANSACheck

Una manifestazione a favore della liberazione di Assange © ANSA/EPA

Una manifestazione a favore della liberazione di Assange © ANSA/EPA
Una manifestazione a favore della liberazione di Assange © ANSA/EPA

    "Queste caso è destinato stabilire in sostanza se egli vivrà o morrà". Lo ha ribadito oggi Stella Assange, a proposito delle conseguenze per il marito Julian delle due udienze cruciali in programma oggi e domani dinanzi all'Alta Corte di Londra per decidere la sorte dell'appello finale della difesa dell'attivista e giornalista australiano - cofondatore di WikiLeaks - contro la sua contestatissima procedura di estradizione dal Regno Unito negli Usa.

    Julian Assange "non sopravvivrà" a un'eventuale conferma del via libera al trasferimento, ha detto Stella in una nuova intervista alla Bbc, rilasciata alla vigilia dell'appuntamento giudiziario, ripetendo quasi parola per parola quanto detto pochi giorni fa in una conferenza stampa. Intervista concessa peraltro mentre nel mondo occidentale sale lo sdegno per la morte - intervenuta frattanto in una colonia penale russa - di Alexey Navalny, oppositore di Vladimir Putin. Nonché sullo sfondo di un'escalation di pressioni del governo dell'Australia sugli alleati britannici e americani per il rilascio di Assange e per evitare che anche lui possa rischiare prima o poi di morire in galera. 

   La moglie - un'avvocata sudafricana che ha dato due figli all'artefice di WikiLeaks negli anni in cui era rifugiato nell'ambasciata dell'Ecuador a Londra e che lo ha poi sposato in prigione - ha evidenziato le condizioni di salute fisica e mentale sempre più precarie di Julian dopo quasi
5 anni di detenzione in isolamento nel tetro carcere di massima sicurezza londinese di Belmarsh, dove resta rinchiuso in attesa del responso sull'estradizione malgrado nel Regno da tempo non abbia più alcuna pendenza penale.

   E ha quindi ricordato come le udienze di domani e dopodomani rappresentino un ultimo tentativo di fronte alla giustizia britannica per bloccarne la consegna - già autorizzata a livello politico dal governo conservatore di Londra - agli Stati Uniti: Paese in cui Julian rischia, almeno sulla carta, una condanna monstre fino a 175 anni di carcere per aver a suo tempo divulgato attraverso WikiLeaks (e in parte tramite grandi testate giornalistiche internazionali come il New York Times o il Guardian)  700.000 documenti riservati (autentici) relativi ad
attività militari e diplomatiche degli Usa, inclusi crimini di guerra attribuiti alle forze americane in Afghanistan e Iraq. E dove contro di lui è stata aperta un'inchiesta basata su inedite accuse di violazione del vecchio Espionage Act del 1917, legge mai applicata in oltre un secolo per vicende di pubblicazione mediatica di documenti o materiale top secret di qualunque tipo.

   L'Alta Corte di Londra dovrà pronunciarsi in secondo grado sul ricorso della difesa contro il no del giudice britannico di prima istanza all'ammissione di un ulteriore appello per fermare l'estradizione. Il verdetto è atteso dopo la seconda udienza e se quel no fosse confermato, le possibilità di azione legale in seno alla giurisdizione del Regno Unito risulterebbero esaurite, ha rimarcato Stella Assange. Aggiungendo che in quel caso rimarrebbe solo l'opzione - di dubbia efficacia, dati i precedenti - di un ricorso d'urgenza alla Corte europea dei Diritti Umani, da presentare entro 24 ore: termine superato il quale le autorità britanniche potrebbero a quel punto - volendo - procedere a estradare comunque l'ex primula rossa australiana oltre oceano.

Il Comitato Assange Italia si mobilita, 'Fermiamo l'estradizione'

   "Lui che ha rivelato i crimini di guerra viene perseguitato, coloro che li hanno commessi sono a piede libero". Con queste parole il 'Comitato Assange Italia' ricorda che oggi e domani si terrà presso l'Alta Corte a Londra l'udienza finale sulla richiesta di estradizione di Julian Assange negli Usa.

   "Per aver svolto il mestiere di giornalista - aggiunge - ha già trascorso 7 anni da rifugiato politico e gli ultimi 5 da prigioniero a Belmarsh, nota come la Guantanamo britannica. Il giorno X è arrivato. Fermiamo l'estradizione".

    "Colpire Assange - prosegue il Comitato in una nota - non significa soltanto distruggere l'uomo, ma lanciare un messaggio
intimidatorio a tutti coloro che fanno del vero giornalismo, libero ed indipendente, di cui ciascuno di noi ha bisogno per comprendere la realtà che ci circonda".

   Il Comitato quindi partecipa alla "campagna globale" promossa dalla moglie del fondatore di Wikileaks, Stella Assange, e dà
appuntamento per un presidio domani alle 17 in piazza Liberty, davanti al consolato britannico a Milano. 

Delegazione Cinque Stelle domani a Londra

    "Domani una delegazione del Movimento 5 Stelle sarà a Londra per seguire l'audizione dell'Alta Corte di Giustizia britannica sul ricorso presentato contro l'estradizione di Julian Assange negli Stati Uniti, dove rischia 175 anni di carcere. Insieme all'eurodeputata cinquestelle Sabrina Pignedoli, e a tanti altri europarlamentari di diversi gruppi politici, faremo sentire la nostra voce in difesa della
libertà di stampa, cardine della democrazia, che l'Occidente deve difendere e non perseguire se vuole essere, e non solo a
parole, realmente diverso dai regimi antidemocratici. Julian ha già sofferto ingiustamente e troppo a lungo: ora questa barbarie
deve finire con la sua liberazione, non certo con la sua consegna a chi vuole rinchiuderlo a vita". Lo dichiara la deputata M5S Stefania Ascari. 

   Il leader M5S, Giuseppe Conte, in un lungo post sui suoi social, ha auspicato che Assange non sia estradato. "È la prima volta - spiega - che un giornalista che rende pubbliche informazioni anche scomode su crimini e torture viene posto sullo stesso piano di una qualsiasi spia, che tradisce il proprio paese passando documenti al nemico. Su questo punto, l'atteggiamento del governo americano non ha registrato mutamenti, passando dall'amministrazione Trump a quella di Biden".

   "Il nostro augurio - conclude - è un inno alla libertà di stampa. Un inno che non deve conoscere né limitazioni né confini. Un inno che vale ovunque".

Bologna dà l'ok alla cittadinanza onoraria


   Il consiglio comunale di Bologna ha votato una delibera per il conferimento della cittadinanza onoraria a Julian Assange, il fondatore di Wikileaks in carcere nel Regno Unito e a rischio di estradizione negli Stati Uniti. Il consenso al provvedimento è stato bipartisan: la delibera e la sua immediata esecutività sono state approvate con 32 voti favorevoli e un non votante.

   Il via libera arriva alla vigilia dell'udienza finale a Londra sulla richiesta di estradizione del giornalista australiano. "La persecuzione di Assange mina il diritto ad un'informazione libera e indipendente e diffondere notizie di pubblico interesse è principio cardine della libertà di stampa", si legge nella delibera.

   Concetto ribadito dalla segretaria Pd Federica Mazzoni: "La vicenda di Assange, oltre a meritare sostegno per le pesanti violazioni dei suoi diritti come detenuto, dimostra che fare bene il proprio lavoro di giornalista raccontando fatti e verità, può essere oggi pericoloso, a scapito della libertà di
espressione, della libertà stessa e della vita".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza