Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Iran, l'Isis rivendica l'attentato a Kerman

Iran, l'Isis rivendica l'attentato a Kerman

Ma Teheran accusa Israele e gli Usa: 'Dietro ci sono loro'

ROMA, 05 gennaio 2024, 07:24

Redazione ANSA

ANSACheck

Kerman © ANSA/EPA

Kerman © ANSA/EPA
Kerman © ANSA/EPA

Né gli Usa né Israele: è l'Isis, 24 ore dopo il fatto, ad addossarsi la responsabilità per il doppio attentato avvenuto mercoledì tra la folla vicino alla tomba di Qassem Soleimani, nella città iraniana di Kerman, che secondo un bilancio rivisto al ribasso ha provocato 84 morti e 284 feriti. Comunque la peggiore strage nella storia della Repubblica islamica. A provocare le esplosioni, ha affermato il sedicente Stato islamico sui suoi canali Telegram, sono stati due suoi kamikaze. Ma Teheran continua comunque a sostenere che dietro ai terroristi si nascondano Washington e Israele.

Le immagini di manifestazioni in varie città iraniane, con i partecipanti che intonano i consueti slogan di 'morte a Israele' e 'morte all'America', sono state trasmesse dalla televisione di Stato. Mentre per il giorno dei funerali delle vittime le autorità hanno invitato la popolazione a scendere nuovamente in piazza per esprimere la loro condanna contro i governi israeliano e americano, in questo momento di estrema tensione per il conflitto mediorientale, in cui la Repubblica islamica sostiene Hamas e il movimento sciita libanese di Hezbollah.

E' vero che altri attentati simili sono stati riconosciuti negli anni passati come opera dei fondamentalisti sunniti dell'Isis nel cuore dello Stato che per eccellenza rappresenta il movimento sciita mondiale. Solo nel 2022, per esempio, 15 persone sono state uccise in un attacco ad un santuario a Shiraz. Mentre al 2017 risale l'azione più clamorosa, con un doppio assalto al Parlamento di Teheran e al mausoleo dell'ayatollah Ruhollah Khomeini, fondatore della Repubblica islamica. E' vero anche che Soleimani era considerato un nemico mortale non solo da Israele e dagli Usa - che lo hanno ucciso - ma anche dall'Isis, per il ruolo che svolto in Iraq e Siria nel combattere l'autoproclamato Califfato. Ma tradizionalmente le autorità di Teheran considerano i terroristi di qualsiasi natura - fondamentalisti sunniti o separatisti di etnie minoritarie - come strumenti di cui si servono israeliani e americani per indebolire la Repubblica islamica. Gli attacchi di Kerman, ha affermato Esmail Qani, il successore di Soleimani alla guida della Forza Qods dei Pasdaran, sono stati compiuti da "agenti del regime sionista e degli Stati Uniti".

Fin da mercoledì Washington aveva negato qualsiasi coinvolgimento, dicendosi sicura che nemmeno Israele avesse una qualche responsabilità, e richiamando invece le similitudini tra il doppio attentato di Kerman e gli attacchi rivendicati negli anni passati dall'Isis. Israele, a cui sono stati addebitate diverse uccisioni mirate di scienziati nucleari e comandanti militari in Iran e all'estero, non ha commentato: "Siamo concentrati sui combattimenti con Hamas", ha detto il portavoce dell'esercito, Daniell Hagari. Secondo gli analisti, del resto, l'impiego di due attentatori suicidi, confermato dall'agenzia di Stato iraniana Irna, rispecchia il modo di operare dello Stato islamico. Una "fonte bene informata" citata dall'agenzia ha detto che, non potendo superare gli stretti controlli di sicurezza per avvicinarsi alla tomba di Soleimani, i due kamikaze si sono fatti saltare in aria uno a distanza di 1,5 chilometri e l'altro a 2,7 chilometri dalla moschea di Saheb al-Zaman, dove il generale dei Pasdaran è sepolto. Dopo la dura condanna espressa dal segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres, è arrivata anche quella del Consiglio di Sicurezza, che ha parlato di "vile attacco terrorista" e ha inviato le condoglianze alle famiglie delle vittime e al governo iraniano. Mentre il segretario di Stato americano Antony Blinken e la ministra degli Esteri francese Catherine Colonna hanno concordato in una conversazione telefonica sulla necessità di "evitare una escalation in Libano e in Iran" come risultato del conflitto in atto nella Striscia di Gaza, secondo quanto reso noto dal portavoce del Dipartimento di Stato, Matthew Miller.

 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza