Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Abu Mazen vede Blinken, apre su Gaza ma chiede i 2 stati 

Abu Mazen vede Blinken, apre su Gaza ma chiede i 2 stati 

L'Iran minaccia gli Usa, Hamas vola da Khamenei per coordinarsi

08 novembre 2023, 14:07

Redazione ANSA

ANSACheck

Antony Blinken e Abu Mazen durante il loro incontro a Ramallah © ANSA/AFP

Antony Blinken e Abu Mazen durante il loro incontro a Ramallah © ANSA/AFP
Antony Blinken e Abu Mazen durante il loro incontro a Ramallah © ANSA/AFP

"Ci assumeremo pienamente le nostre responsabilità ma nel quadro di una soluzione politica globale che includa tutta la Cisgiordania, compresa Gerusalemme Est e la Striscia di Gaza": nella sua blindatissima visita a sorpresa a Ramallah, prima di quella altrettanto imprevista a Baghdad, Antony Blinken incassa l'impegno del presidente dell'Autorità Palestinese Abu Mazen a farsi carico della futura amministrazione di Gaza, ma ad una condizione che gli Usa dovranno far digerire al premier israeliano Benyamin Netanyahu: la soluzione dei due Stati.

L'amministrazione Biden non ha mai smesso di sostenere questa soluzione che ora sembra l'unica possibile, attraverso tre passaggi: l'eliminazione di Hamas da Gaza; la creazione di una forza internazionale di pace sotto egida dell'Onu, con militari arabi ma forse anche europei, e l'affido del governo della Striscia all'Anp, che già amministra la Cisgiordania. Per il dopoguerra di Gaza e per rilanciare il negoziato di pace con Israele, la Casa Bianca ha deciso di scommettere su Abu Mazen, nonostante sia un leader anziano (87 anni) e screditato agli occhi del suo stesso popolo: non certo il partner ideale, ma l'unico con cui riavviare il dialogo e tentare di ricucire le profonde ferite aperte dall'attacco di Hamas e dalla risposta di Israele. "Washington crede che l'Anp debba giocare un ruolo centrale in quello che accadrà dopo Gaza", gli ha detto Blinken, che nei giorni scorsi al Congresso aveva già suggerito di affidare il governo della Striscia ad una "Autorita' Palestinese efficace e rivitalizzata", con altri Paesi e agenzie internazionali a giocare un ruolo temporaneo per garantirne la sicurezza.

Nel loro colloquio di un'ora, Abu Mazen ha denunciato i bombardamenti israeliani come una "guerra genocida" e chiesto un cessate il fuoco immediato per far entrare gli aiuti umanitari. Una richiesta analoga a quella dei ministri degli esteri dei Paesi arabi incontrati ieri da Blinken, che ritengono prematuro parlare del futuro di Gaza senza prima fermare le ostilità, anche se sostanzialmente sono favorevoli al piano Usa. Il capo della diplomazia americana esclude però una tregua, convinto che aiuterebbe Hamas a riorganizzarsi, e insiste su limitate pause umanitarie per il rilascio degli ostaggi e la consegna degli aiuti, il cui flusso ora è "gravemente insufficiente". Ma Netanyahu non molla, diventando un alleato sempre più problematico da gestire per Biden: "Non ci sarà cessate il fuoco fino al ritorno dei nostri ostaggi. Lo abbiamo detto ai nostri amici e nemici. Andremo avanti finché non li avremo sconfitti". Blinken dal canto suo ha ribadito ad Abu Mazen "l'impegno per la fornitura di assistenza umanitaria salvavita e la ripresa dei servizi essenziali a Gaza" e ha messo in chiaro che "i palestinesi non devono essere sfollati con la forza". Con il leader palestinese ha discusso anche "gli sforzi per ripristinare la calma e la stabilità in Cisgiordania, compresa la necessità di fermare le violenze estremiste contro i palestinesi e accertare le responsabilità", un riferimento alle vittime dei colpi sparati da soldati o coloni israeliani dopo il 7 ottobre.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza