Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Xi e Putin sfidano l'Occidente al vertice dei Brics

Xi e Putin sfidano l'Occidente al vertice dei Brics

Per il leader russo 'l'abbandono del dollaro è irreversibile'

MOSCA, 22 agosto 2023, 21:46

Redazione ANSA

ANSACheck

© ANSA/EPA

© ANSA/EPA
© ANSA/EPA

  Si è aperto a Johannesburg, in Sudafrica, un summit dei Brics (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica) Paesi oggi accomunati soprattutto per la loro opposizione all'Occidente. Spingono per un "multilateralismo inclusivo" e un abbandono della centralità del dollaro: una sorta di sfida agli Stati Uniti e ai suoi alleati che vorrebbe dare più peso al blocco per "difendere il Sud del mondo".
    Al forum ha partecipato anche il presidente russo Vladimir Putin, in videoconferenza a causa del mandato di arresto della Corte penale internazionale, mentre quello cinese Xi Jinping ha esposto il suo pensiero con un discorso letto dal ministro del Commercio Wang Wantao. Putin ha condannato i Paesi occidentali per quelle che ha definito le "sanzioni illegittime che calpestano tutte le norme del commercio internazionale" e per le loro politiche che a suo parere alimentano le spinte inflazionistiche.
    Passaggio cruciale verso un modo "multilaterale" è per Putin la "de-dollarizzazione", un processo che a suo parere sta già "prendendo piede" in modo "irreversibile". Il presidente russo si è anche detto pronto a tornare all'accordo per l'esportazione del grano dai porti ucraini, ma a condizione che vengano rispettate le condizioni a favore di Mosca, a partire dall'eliminazione degli ostacoli alle sue esportazioni di cereali e fertilizzanti.
    Xi Jinping ha ribadito la volontà di "promuovere la democratizzazione delle relazioni internazionali e la multipolarità". Sul conflitto in Ucraina Pechino non cambia idea. "L'unica opzione praticabile" è quella dei colloqui di pace, ai quali la Cina vuole continuare a dare il suo contributo, si legge in una dichiarazione congiunta dopo un colloquio bilaterale tra Xi e il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa.
    Più visionario il presidente brasiliano Luiz Inácio Lula da Silva, secondo il quale "un altro mondo è possibile"..
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza