Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Kiev, massiccio attacco russo tra la sera e la notte

Kiev, massiccio attacco russo tra la sera e la notte

'Contraerea ha distrutto 30 missili da crociera e 27 droni' 

06 agosto 2023, 15:18

Luca Mirone

ANSACheck

Un attacco russo con droni kamikaze Shahed a Kharkiv, il 1° agosto - RIPRODUZIONE RISERVATA

Un attacco russo con droni kamikaze Shahed a Kharkiv, il 1° agosto - RIPRODUZIONE RISERVATA
Un attacco russo con droni kamikaze Shahed a Kharkiv, il 1° agosto - RIPRODUZIONE RISERVATA

Tra la sera del 5 agosto a questa mattina l'esercito russo ha attaccato massicciamente a più ondate diverse regioni del territorio ucraino con missili lanciati dall'aria e dal mare e droni iraniani, ha dichiarato l'Aeronautica militare di Kiev su Telegram. La contraerea ha intercettato e distrutto 13 missili da crociera Kalibr, 17 missili da crociera Kh-101/X-555 e 27 droni Shahed. "Nelle due ondate i russi hanno usato 14 Kalibr lanciati dal mare e tre missili balistici Kh-47 Kinzhal lanciati dall'aria, successivamente droni, missili Kalibr dal Mar Nero e missili da crociera sparati dal Mar Caspio".

Durante la notte l'esercito russo ha attaccato la città di Zaporizhzhia e gli insediamenti del distretto: "Nella notte, la periferia di Zaporizhzhia è stata nuovamente attaccata: l'onda d'urto ha danneggiato i magazzini di un'infrastruttura e c'è stato un incendio. A Komyshuvakha è stata presa di mira un'azienda di servizi pubblici e sono stati danneggiati gli edifici residenziali nelle vicinanze", ha scritto su Telegram il capo dell'amministrazione militare regionale Yuriy Malashko, come riporta Ukrinform. In totale, nell'ultima giornata, le truppe russe hanno lanciato 95 attacchi su 21 insediamenti popolati nel sudest del Paese. Kharkiv è stata colpita da attacchi missilistici, in particolare da sistemi S-300.

Il ministero della Difesa russo ha reso noto di aver colpito nella notte con armi di alta precisione le basi aeree nelle regioni occidentali di Chmelnyckyj e Rivne. "Le forze armate della Federazione Russa hanno lanciato un attacco multiplo con armi di precisione a lungo raggio, aeree e marittime, sulle basi aeree delle forze armate dell'Ucraina nelle aree degli insediamenti di Starokostiantynivska e Dubno", ha detto il ministero, citato dalle agenzie di stampa russe.

"Gli attacchi russi sugli aeroporti ucraini sono inefficaci. L'aviazione ucraina riesce a ridistribuire gli aerei prima dei bombardamenti", ha commentato alla tv nazionale il portavoce dell'Aeronautica militare ucraina, Yuriy Ignat, affermando che i velivoli di Kiev non hanno avuto danni dall'attacco della scorsa notte perché erano già decollati. "Non è la prima volta che l'aeroporto di Starokostiantynivska viene attaccato dai russi: è la base dell'aviazione tattica. Ma i nostri piloti sanno come contrastare il nemico. I russi non riusciranno a distruggere così facilmente la nostra aviazione", ha detto Ignat.

Esplosioni sono state segnalate nella notte nelle regioni ucraine di Kiev, Khmelnytskyi e Cherkasy. Lo riportano i media locali aggiungendo che gli allarmi antiaerei sono scattati nelle prime ore di oggi anche negli oblast di Odessa, Vinnytsia e Kharkiv. Le autorità filorusse affermano che un incendio è scoppiato nell'edificio dell'Università di Economia e commercio di Donetsk dopo un bombardamento delle forze ucraine sulla città. "Le unità del ministero delle Emergenze hanno localizzato un grave incendio nel distretto di Voroshilovsky a Donetsk", si legge in un comunicato su Telegram citato dall'agenzia russa Tass. Secondo le prime informazioni, avrebbero preso fuoco il tetto e il soffitto dell'edificio per un totale di circa 3.000 metri quadrati interessati dalle fiamme. Sono intervenuti 19 mezzi e 91 vigili del fuoco per spegnere l'incendio.

Il governatore della regione russa di Bryansk, Alexander Bogomaz ha reso noto su Telegram che "sul distretto di Karachevsky, il sistema di difesa aerea ha distrutto due droni di tipo aereo, non ci sono danni o vittime", ha aggiunto. Lo riferisce Ria Novosti.

Due civili sono stati uccisi e due feriti durante i bombardamenti russi dell'ultimo giorno nella regione di Donetsk. Lo ha reso noto il capo dell'amministrazione militare regionale Pavlo Kyrylenko, citato da Ukrinform. Ieri le truppe russe hanno lanciato attacchi nelle direzioni di Donetsk, Gorlivka e Lysychansk.

I porti russi nel Mar Nero sono una "zona a rischio di guerra". L'avviso, emesso dalle autorità marittime ucraine, certifica che nel conflitto si è aperto stabilmente un nuovo fronte. La dimostrazione è il secondo attacco in due giorni contro un'imbarcazione russa, stavolta una petroliera, con i famigerati droni marini di Kiev, a sud dello stretto di Kerch, vicino al ponte della Crimea. La petroliera Sig, una delle più grandi della flotta mercantile russa, è stata attaccata nella notte di venerdì. Nella nave si è aperto un buco nella zona della sala macchine ma non è affondata, hanno riferito le autorità marittime russe, mentre un video iniziato a girare in rete ha mostrato apparentemente il drone navale utilizzato per l'assalto.

 

Il raid non è stato rivendicato ufficialmente da Kiev, ma fonti d'intelligence ucraine hanno fatto sapere l'operazione è stata coordinata dai "servizi militari e dalla Marina". Sempre secondo le stesse fonti, la Sig trasportava carburante per le truppe di Mosca - oggetto di sanzioni Usa per aver portato petrolio e carburante dalla Russia alla Siria - e si trovava in acque territoriali ucraine. Quindi, un'operazione legittima, ha rilevato il capo del servizio di sicurezza Vasyl Malyk. Appena 24 ore prima era stata presa di mira la "Olenegorsky Gornyak", una nave da sbarco russa di fronte alla base di Novorossiysk, sempre nel Mar Nero. In questo quadrante gli scontri sono stati un crescendo nelle ultime settimane, da quanto Mosca non ha rinnovato l'intesa sul grano mediata dalla Turchia. Le forze di invasione hanno attaccato i porti ucraini, anche quelli sul Danubio, e Kiev ha reagito: prima ha intensificato i raid con droni in territorio russo, in Crimea, fino a Mosca, ed ora è passata all'azione contro le navi del nemico. Colpendo tra l'altro obiettivi sempre più distanti. Tanto che adesso il servizio di trasporto marittimo e fluviale ucraino ha messo in guardia qualunque imbarcazione nell'area. L'avviso è di una "minaccia militare nelle acque di sei porti russi: Anapa, Novorossijsk, Gelendzhik, Tuapse, Sochi, Taman".

 

Mosca, commentando gli attacchi alla nave da guerra e alla petroliera, ha negato o comunque sminuito i danni, ma ha denunciato lo stesso tempo un atto "terroristico" contro una "nave civile", promettendo una "risposta". Eppure l'allerta nel Mar Nero resta massima. Il ministero della Difesa ha anche affermato di aver "intercettato e respinto un drone da ricognizione MQ-9A Reaper dell'aeronautica americana, che si stava avvicinando al confine". Le ostilità nel Mar Nero preoccupano il segretario generale dell'Onu Antonio Guterres, che interpellato dall'agenzia russa Tass ha invitato le parti "ad astenersi da qualsiasi retorica o azione che possa intensificare ulteriormente il conflitto". Appello per nulla gradito da Kiev. Per il consigliere presidenziale Mykhaylo Podolyak Guterres fa "l'avvocato del diavolo", perché non si è espresso sulla "inammissibilità dell'escalation quando la Russia ha attaccato i porti ucraini di Odessa e sul Danubio". 

 

I timori dell'Onu sarebbero però condivisi anche dagli sponsor di Kiev, Stati Uniti in testa. Secondo il Financial Times, "Joe Biden vuole che i prezzi alla pompa rimangano stabili in vista delle elezioni" e quindi ogni attacco alle infrastrutture petrolifere russe rischia di creare contraccolpi negativi al mercato energetico. Quanto al conflitto sul terreno, Kiev ha denunciato lanci di missili sulla regione della capitale e sulla città di Zaporizhizhia dove - secondo quanto ha riferito il presidente Volodymyr Zelensky - "è stata colpita l'azienda aereonautica ucraina Motor Sich". La Russia ha rivendicato la conquista dell'insediamento di Novoselivske, nell'area di Kupiansk, come risultato di una crescente pressione nel fronte orientale. Secondo l'esercito ucraino, l'obiettivo dei russi è attirare risorse dei difensori in questa zona, per ostacolare la controffensiva al sud. Nel frattempo rimane alta la tensione sul Baltico. Dopo lo scontro diplomatico tra Varsavia e Minsk per il presunto sconfinamento di due elicotteri, la Lituania ha annunciato che chiuderà due dei suoi sei valichi di frontiera con la Bielorussia per la presenza sul suo territorio dei mercenari Wagner. Gli uomini di Yevgeny Prigozhin mettono in allarme anche la Polonia, tanto che i due alleati Nato stanno valutando di chiudere completamente il confine al Paese alleato della Russia.

Svezia, Mosca diffonde false notizie sui roghi del Corano

Stoccolma ha accusato la Russia di diffondere false notizie per influenzare il percorso di adesione della Svezia alla Nato: il ministero della Difesa ha dichiarato che i media controllati dallo Stato russo Rt e Sputnik hanno pubblicato una serie di articoli in arabo, sostenendo falsamente che il governo svedese sostiene i roghi del Corano. Lo riporta il Guardian. L'agenzia svedese per la difesa ha affermato che dalla fine di giugno, le autorità hanno registrato circa un milione di post simili in arabo e in altre lingue: "Mosca sta usando le proteste di Stoccolma per fomentare le tensioni tra i Paesi arabi e l'Occidente".

Mosca, abbattuto un drone in avvicinamento sulla capitale

Le forze di difesa aerea russe hanno distrutto un drone in avvicinamento a Mosca. Lo afferma il sindaco della capitale russa, Serghei Sobyanin, scrive l'agenzia Tass. "Oggi, intorno alle 11, c'è stato un tentativo di un drone di sfondare a Mosca. È stato distrutto dalle forze di difesa aerea in avvicinamento", ha scritto Sobyanin.

Non sono stati segnalati danni nel tentativo di attacco con drone diretto sulla capitale russa, afferma il ministero della Difesa in un comunicato, citato l'agenzia Tass. Il drone è stato abbattuto dalle forze aeree sul distretto di Podolsk, nella regione di Mosca, a sud della capitale.

Kiev, due morti e 4 feriti nell'attacco al centro trasfusioni

Due uomini sono stati uccisi e altri quattro sono rimasti feriti nell'attacco con bombe aeree guidate di ieri sera contro un centro trasfusionale nella regione di Kharkiv, in Ucraina orientale. "I russi hanno colpito con una bomba aerea guidata un edificio non residenziale nel villaggio di Kruglyakivka, nel distretto di Kupyansk, e si è sviluppato un vasto incendio", ha dichiarato il capo dell'amministrazione militare regionale Oleg Syniehubov, citato da Unian. Ieri sera a dare la notizia dell'attacco era stato lo stesso presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Nelle ultime 24 ore sono stati bombardati insediamenti nei distretti di Bohodukhiv, Kharkiv, Chuhuiv, Izyum e Kupyansk.

Intelligence Kiev, 'riprenderemo a esportare il grano'

"Ricominceremo ad esportare grano, che alla Russia piaccia o meno", ha dichiarato il capo dell'intelligence della Difesa di Kiev Kyrylo Budanov in un'intervista al media bulgaro Btv sottolineando che l'Ucraina sta già lavorando per ripristinare le strutture colpite dagli attacchi russi. Budanov ha anche parlato della controffensiva osservando che per i "soldati è piuttosto difficile, poiché la Russia è riuscita a rafforzare la sua posizione con sistemi di difesa: La cosa più importante è che l'offensiva non si fermi. A mio parere, sta andando un po' più velocemente sulla linea di Bakhmut che nel Sud, ma sarà il tempo a dirlo".

Kiev, colpito magazzino di mais nell'Ucraina occidentale 

I bombardamenti russi della notte hanno colpito anche l'Ucraina occidentale: un gigantesco incendio è scoppiato in un magazzino di mais a Starokostiantynivska e un uomo è rimasto ferito. Lo riportano i media ucraini. Le fiamme, successivamente spente, si sono propagate su una superficie di 1400 metri quadrati. Starokostjantyniv è una città dell'Ucraina nel distretto Chmelnyckyj, nella regione della Podolia, sul fiume Horyn.

Il vice governatore della regione di Chmelnyckyj nell'Ucraina occidentale, Sergiy Tiurin ha affermato che tra gli obiettivi dell'attacco russo della notte c'era l'aeroporto di Starokostiantynivska. E ha aggiunto che le esplosioni hanno danneggiato diverse case private, un'istituzione culturale comunale, la stazione degli autobus, oltre all'incendio in un silos di cereali. La maggior parte dei missili è stata abbattuta dalle forze di difesa aerea.

Mosca, discuteremo con i partner Brics presenti a Gedda

La Russia discuterà i risultati delle consultazioni sull'Ucraina a Gedda con i partner Brics che hanno preso parte all'incontro. Lo afferma il vice ministro degli Esteri russo, Sergey Ryabkov, scrive l'agenzia Tass. "Per quanto riguarda i partner Brics che sono stati invitati e hanno partecipato è sottointeso che, sulla base dei risultati degli eventi di Gedda, ci sarà un rilevante scambio di opinioni tra noi e i partecipanti Brics a diversi livelli", ha affermato.

Zelensky, 14mila missioni dell'aviazione dall'inizio della guerra

"Dall'inizio della guerra la nostra aviazione ha compiuto più di 14.000 missioni di combattimento: ognuna di esse è un atto eroismo. Ognuna è un risultato per l'Ucraina. Ognuna è un passo avanti verso la nostra vittoria. Ringrazio tutti i guerrieri dell'aeronautica ucraina, tutti i piloti, i nostri artiglieri antiaerei, gli specialisti delle truppe radiotecniche dell'aeronautica. Siamo orgogliosi dei nostri eroi del cielo". Lo ha scritto su Telegram il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in occasione della Giornata dell'Aeronautica militare delle Forze Armate dell'Ucraina.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza