Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Stoccolma autorizza il rogo del Corano, l'ira di Ankara

Stoccolma autorizza il rogo del Corano, l'ira di Ankara

La manifestazione era stata autorizzata dalla polizia. La Turchia: 'Non può entrare nella Nato'

ROMA, 29 giugno 2023, 08:45

Giuseppe Maria Laudani

ANSACheck

Polizia svedese autorizza il rogo del Corano fuori dalla moschea © ANSA/AFP

Polizia svedese autorizza il rogo del Corano fuori dalla moschea © ANSA/AFP
Polizia svedese autorizza il rogo del Corano fuori dalla moschea © ANSA/AFP

A pochi giorni dal vertice di Vilnius, dell'11 e 12 luglio, dove la Svezia auspica progressi per il suo ingresso nella Nato, malgrado l'opposizione turca, e durante la celebrazione dell'Eid al-Adha, la festa celebrata dai musulmani di tutto il mondo in memoria del sacrificio di Abramo, un nuovo rogo del Corano si è svolto a Stoccolma, destando l'ira di Ankara che ha parlato di un "atto spregevole", e facendo montare la rabbia del mondo islamico.

Dopo avere ricevuto l'autorizzazione da parte delle forze dell'ordine, a seguito della sentenza della Corte d'Appello secondo cui era sbagliato che la polizia rifiutasse le manifestazioni a causa del rischio di un attentato, un centinaio di persone si sono radunate verso l'ora di pranzo di fronte alla moschea di Medborgarplatsen, nel quartiere centrale di Sodermalm a Stoccolma per assistere al provocatorio gesto di un cittadino iracheno di 37 anni, Salwan Momika. L'uomo ha dato fuoco al libro sacro dei musulmani, dopo averlo calpestato, averci messo dentro delle fette di bacon (cibo bandito dai musulmani), proferito parole offensive nei confronti dell'Islam e avere sventolato una bandiera svedese. Ma le sue gesta non sono piaciute a molti dei presenti alla manifestazione che hanno protestato, creando momenti di tensione. Una di loro - riferisce il quotidiano svedese Aftonbtadet - ha gridato: "Il Corano non è nelle vostre mani, è nei nostri cuori, lo sappiamo a memoria".

La polizia svedese ha arrestato un uomo che stava per lanciare delle pietre e ha aperto un'inchiesta. "Coloro che cercano di diventare nostri alleati nella Nato non possono tollerare o permettere comportamenti distruttivi da parte di terroristi islamofobi e xenofobi", ha tuonato Fahrettin Altun, il direttore delle comunicazioni del presidente turco Recep Tayyip Erdogan, precisando che "chiunque permetta questo atto criminale ne è anche complice". Si fa dunque sempre più irto e pieno di ostacoli il cammino di Stoccolma verso l'Alleanza Atlantica, malgrado il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg abbia affermato che sia "arrivato il momento di far entrare la Svezia nella Nato come membro a tutti gli effetti". Il politico norvegese ha poi annunciato che in previsione del vertice di Vilnius è stato convocato a Bruxelles "un altro incontro con alti funzionare turchi svedesi e finlandesi giovedì prossimo", 6 luglio. Ankara ha posto un veto alla richiesta della Svezia - che richiede il via libera unanime dei membri dell'Alleanza -, rimproverandole una certa clemenza nei confronti dei militanti curdi che ospita sul suo territorio e che considera "terroristi".

Sulla vicenda è intervenuto anche il presidente russo Vladimir Putin, precisando che nel suo Paese il rogo del Corano è punito come un crimine. Non è la prima volta che la Svezia si confronta con i roghi del Corano. Ad aprile dello scorso anno, si erano registrati tre notti di scontri in tutto il Paese durante una serie di manifestazioni e contro cortei seguiti alle azioni anti Islam promosse da un gruppo di estrema destra, che aveva bruciato una copia del testo sacro dell'Islam. A riaccendere la miccia a gennaio era stato un esponente politico della destra svedese, tale Rasmus Paludan, che aveva bruciato il libro. Ad emularlo anche il politico di destra olandese Edwin Wagensveld, con un rogo all'Aia. Nei mesi scorsi la polizia svedese aveva negato richieste simili, motivando il timore di un attacco terroristico. Ma una di queste era stata impugnata davanti al tribunale amministrativo di Stoccolma, fino ad arrivare alla Corte d'appello che aveva riconosciuto l'ammissibilità di questo tipo di manifestazioni, fino all'odierno rogo davanti alla moschea.

   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza