Mondo
  1. ANSA.it
  2. Mondo
  3. Due verità per i missili russi su Kiev IL PUNTO alle 14

Due verità per i missili russi su Kiev IL PUNTO alle 14

L'Onu al lavoro per evacuare i civili dall'acciaieria Azovstal

Ancora una volta, due versioni in contrasto su un episodio drammatico della guerra in Ucraina.
    Ieri le forze russe hanno sparato vari missili su Kiev, quando nella capitale ucraina si trovava il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, che aveva incontrato il presidente russo Vladimir Putin a Mosca il giorno precedente.
    Oggi il ministero della Difesa russo ha detto che l'attacco è stato messo a segno con missili "di alta precisione", che hanno colpito e distrutto fabbriche per la produzione di missili Artyom e un sito dell'industria spaziale. Presente sul posto, l'ANSA ha potuto constatare tuttavia che uno dei missili ha colpito un palazzo residenziale di 25 piani nel distretto di Shevchenkivskyi, di fronte al quale si trova una fabbrica di equipaggiamento militare, ora con le finestre sfondate e le mura esterne annerite. Nel palazzo, nel quale si trovavano poche persone, è morta Vera Girich, una giornalista ucraina di 55 anni che abitava al secondo piano, e altre 10 persone sono rimaste ferite.
    Quello di ieri è stato il bombardamento che ha colpito più al centro la capitale ucraina, dall'inizio della guerra: il palazzo residenziale danneggiato è a soli 4 chilometri dalla cattedrale di San Michele, considerato un luogo simbolo di Kiev. Un altro razzo, inoltre, è caduto vicino all'hotel in cui pernottava Guterres, secondo quanto riferito da un suo portavoce, che ha precisato che in quel momento il segretario generale dell'Onu non era nell'albergo.
    Guterres si è detto "scioccato" dal bombardamento, definito uno "schiaffo all'Onu" dal presidente ucraino Volodymyr Zelensky e che è stato condannato dalle capitali occidentali. Per l'Alto rappresentante per la politica estera dell'Unione Europea Josep Borrell, "la Russia dimostra ancora il suo sfacciato disprezzo per il diritto internazionale", un giudizio rilanciato dal portavoce del governo tedesco, Wolfgang Buechner. Il ministro degli Esteri francese, Jean-Yves Le Drian, ha condannato "fermamente" gli "attacchi indiscriminati" su Kiev, mentre il suo omologo italiano Luigi Di Maio parla di "una nuova escalation che crea grande preoccupazione".
    Dopo l'attacco di ieri l'amministrazione militare di Kiev ha chiesto alle donne con bambini piccoli e agli anziani di non tornare in città, anche alla luce delle minacce di Mosca di lanciare nuovi raid sulla città in risposta agli attacchi ucraini in territorio russo. "La minaccia a Kiev non è scomparsa e gli attacchi missilistici di ieri ne sono la prova. Dati i recenti eventi legati agli incendi nei depositi di petrolio, alla detonazione di depositi di munizioni in Russia, nonché alla retorica dei propagandisti di Putin, possiamo dire che la minaccia è aumentata. Chiediamo di non tornare a studenti, donne con bambini piccoli e anziani!", si legge in un appello diffuso stamane nella capitale ucraina.
    Come anticipato ieri dallo stesso Guterres, l'Onu si sta concentrando oggi nell'organizzazione di corridoi umanitari per l'evacuazione dei civili rimasti rinchiusi nelle città ucraine, in primis Mariupol, sotto assedio dall'inizio dell'invasione.
    Fonti della presidenza ucraina hanno annunciato che per oggi "è in programma un'operazione per far uscire i civili" dall'acciaieria Azovstal, senza però fornire ulteriori dettagli.
    Borrell, da parte sua, ha detto che "Mariupol è la Aleppo europea", perché "stata rasa al suolo, con migliaia di civili uccisi".
    Resta incerta la situazione nell'acciaieria. Il reggimento Azov dice che almeno un combattente ucraino è rimasto ucciso ieri in un attacco aereo russo e un altro centinaio di soldati che venivano curati nell'ospedale allestito dentro il rifugio sotterraneo hanno riportato nuove ferite e commozioni cerebrali.
    "A seguito dei bombardamenti -ha riferito un portavoce- una parte dell'edificio è crollata, così come la sala operatoria.
    Più di 500 feriti e medici sono rimasti bloccati. Il bombardamento russo ha preso di mira proprio l'ospedale da campo". Un consigliere del sindaco di Mariupol ha detto che soldati russi hanno chiuso una piazza a nord dell'acciaieria, il che "può significare un nuovo tentativo di assaltare l'impianto siderurgico, oppure ulteriori scontri in strada".
    In un'intervista con il settimanale Time, Zelensky ha raccontato che nelle prime ore dell'invasione le truppe russe arrivarono a pochi minuti da lui e dalla sua famiglia. I militari informarono il presidente che squadre d'assalto russe si erano paracadutate a Kiev per uccidere o catturare lui e i suoi. Nelle prime ore dell'attacco russo - riporta il Time - mentre le truppe ucraine combattevano i russi per le strade, la guardia presidenziale cercava di sigillare il complesso con qualsiasi cosa potesse trovare. Un cancello all'ingresso posteriore fu bloccato con un mucchio di barricate della polizia e tavole di compensato e "somigliava più a un cumulo di rottami da discarica che a una fortificazione". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie