Mondo
  1. ANSA.it
  2. Mondo
  3. Mosca avverte, si rischia la terza guerra mondiale

Mosca avverte, si rischia la terza guerra mondiale

Ma un conflitto nucleare è inaccettabile. I negoziati proseguono

 La terza guerra mondiale è un pericolo "reale" anche se l'ipotesi di un conflitto nucleare è inaccettabile. Alla fine di un'altra giornata di raid su obiettivi strategici ucraini, il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov, in un'intervista al programma Bolshaya Igra (The Great Game) sul canale televisivo di stato Channel One, alza i toni dello scontro anche a livello verbale e accusa la Nato di entrare in una guerra per procura con Mosca attraverso la fornitura di armi all'Ucraina. Decisione rischiosa, avverte il capo della diplomazia di Mosca, perché si ritorcerà contro l'Occidente che vedrà diffondersi quelle stesse armi nei Paesi da cui provengono.
    A proposito dell'uso di testate nucleari, Lavrov ha ricordato che a gennaio i cinque membri permanenti del Consiglio di sicurezza dell'Onu hanno rilasciato una dichiarazione sull'inammissibilità di una guerra di questo tipo. "Questa è la nostra posizione di principio, - ha sottolineato - siamo guidati da questo, e ovviamente non vorrei vedere questi rischi gonfiati artificialmente ora, quando i rischi sono piuttosto significativi".
    Una escalation temperata solo in parte dall'annuncio che i negoziati con l'Ucraina andranno avanti. Anche se Lavrov non rinuncia a lanciare una frecciata aggiuntiva: "La buona volontà ha i suoi limiti. E se non è reciproca questo non contribuirà al processo negoziale". Poi l'assicurazione che "noi continueremo a portare avanti negoziati con la delegazione del (presidente ucraino) Volodymir Zelensky, e i contatti proseguiranno". Il ministro ha comunque accusato Zelensky "di fingere" di negoziare, alludendo al suo passato sul palcoscenico. "E' un buon attore" ma, ha sottolineato, a un'attenta osservazione delle sue parole "emergeranno mille contraddizioni". Infine non ha trascurato di gettare un po' d'acqua sul fuoco dichiarandosi fiducioso che "tutto finirà certamente con la firma di un accordo", i cui parametri, tuttavia, "saranno definiti dallo stato delle conquiste sul campo". Il riferimento al Donbass, e forse non solo ad esso, è fin troppo evidente.  

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie