Mondo
  1. ANSA.it
  2. Mondo
  3. Ucraina - Il punto delle ore 10 | Missili su Leopoli e Dnipro, almeno 6 morti, anche un bimbo

Ucraina - Il punto delle ore 10 | Missili su Leopoli e Dnipro, almeno 6 morti, anche un bimbo

Zelensky, deportati 5.000 bimbi da Mariupol

Sono ripresi stamani gli attacchi delle forze russe in Ucraina. Un bombardamento missilistico è avvenuto nella regione di Leopoli, riferisce il governatore della regione. Il bilancio è di almeno 6 morti, tra i quali un bambino, e 8 feriti. Due missili russi hanno colpito, sempre questa mattina, la città di Dnipro, nell'Ucraina centro-orientale, provocando 2 feriti: ha reso noto su Telegram il capo dell'amministrazione militare regionale, Valentyn Reznichenko, aggiungendo che sono state distrutte anche alcune infrastrutture ferroviarie. Lo riporta la Cnn. I missili, ha precisato, hanno colpito i distretti di Synelnykiv e Pavlograd.

    Mentre cresce l'allarme per una nuova offensiva della Russia nell'Est dell'Ucraina "che inizierà nel prossimo futuro" , secondo la denuncia del presidente ucraino Volodymyr Zelensky in un video messaggio, l'emergenza riguarda i bambini. In un'intervista alla Cnn trasmessa ieri il presidente ucraino denuncia la deportazione di almeno 5.000 bambini dalla regione di Mariupol. Quei "bambini. Dove sono? - si è chiesto - Non lo sa nessuno". E sale ad almeno 205 il numero di bambini ucraini rimasti uccisi dall'inizio della guerra secondo il bilancio reso noto dall'ufficio del procuratore generale ucraino, riporta il Kyiv Independent. I minori feriti sono almeno 362.

    Nel mirino dei russi c'è sempre la città di Mariupol.
    "Vogliono letteralmente distruggere e mettere fine al Donbass - ha detto Zelensky che è tornato a chiedere armi all'Occidente -.
    Mentre stanno distruggendo Mariupol, vogliono spazzare via anche altre città e comunità nelle regioni di Donetsk e Luhansk". E nelle ultime ore le autorità del Luhansk hanno invitato i residenti a evacuare immediatamente la regione sudorientale. "La prossima settimana potrebbe essere difficile. Questa potrebbe essere l'ultima volta che abbiamo ancora la possibilità di salvarvi", ha detto il capo dell'amministrazione regionale Sergei Gaidai.

    Appare dunque sempre più critica la situazione della città portuale. Un consigliere del sindaco, Petro Andriushchenko, ha detto che le forze russe hanno annunciato che da oggi Mariupol sarà chiusa in ingresso e in uscita e che gli uomini che resteranno in città "saranno controllati" per essere "ricollocati". Un gruppo per i diritti umani della Crimea ha denunciato inoltre che i russi avrebbero portato via con la forza da Mariupol circa 150 bambini, 100 dei quali ricoverati in ospedale, per condurli "nel Donetsk occupato e nel Taganrog russo".
    Secondo il portavoce dell'amministrazione militare regionale di Odessa, Serhy Bratchuk le forze russe pianificano un'operazione sotto falsa bandiera a Kherson, riporta il Kyiv Independent. L'intenzione di Mosca sarebbe quella di utilizzare l'operazione per giustificare il "salvataggio della città" attraverso un referendum. Quattro missili hanno colpito stamani la regione di Leopoli, vicino al confine con la Polonia, ha scritto il governatore Makysm Kozytskyi su Telegram, ripreso dai media internazionali, che ha invitato i civili a restare nei rifugi. Gli inviati della Bbc hanno riferito di avere visto almeno cinque esplosioni nella parte occidentale della città, "un denso fumo nero e grigio si sta alzando". L'allarme antiaereo ha suonato per 45 minuti prima dell'esplosione, molte persone erano per strada.
    Zelensky si è rivolto al "mondo democratico che - sostiene - deve rispondere a ciò che stanno facendo gli occupanti nel sud del nostro Stato, nelle regioni di Kherson e Zaporizhya. Lì - denuncia il presidente ucraino - vengono costruiti centri di tortura, le autorità locali e chiunque sia ritenuto visibile alle comunità locali viene rapito. Gli insegnanti vengono ricattati, i soldi per le pensioni vengono rubati, gli aiuti umanitari vengono bloccati e le persone muoiono di fame. Gli occupanti stanno anche cercando di spaccare sull'esempio delle cosiddette repubbliche separatiste di Donetsk e Luhanks, trasferendo questo territorio alla zona del rublo e subordinandolo alla macchina amministrativa russa".

    Online una foto che mostrerebbe la nave da guerra russa Moskva, affondata giovedì scorso, colpita da un missile in mare dove sarebbero morti 40 marinai russi e molti altri sarebbero rimasti feriti, secondo il racconto della madre di un membro d'equipaggio sopravvissuto. La fonte dell'immagine non è chiara e non è al momento stato possibile verificarne l'autenticità.
    Osservatori militari affermano però che la fotografia potrebbe essere autentica. 
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie