Mondo
  1. ANSA.it
  2. Mondo
  3. Oms, Omicron sembra meno grave ma causa ricoveri e uccide

Oms, Omicron sembra meno grave ma causa ricoveri e uccide

Tedros, 'tsunami rapido che sta travolgendo sistemi sanitari'

 Benché la variante Omicron del virus Covid-19 sembri "meno severa rispetto a Delta, in particolare tra i vaccinati, non significa che debba essere categorizzata come lieve: come le precedenti varianti, Omicron causa ricoveri e uccide". Lo ha detto a Ginevra il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) Tedros Adhanom Ghebreyesus, evocando l'aumento dei casi: uno "tsunami di casi così grande e rapido che sta travolgendo i sistemi sanitari" in tutto nel mondo. 

A metà febbraio il mondo rischia un picco di 14 mila vittime di Covid ogni giorno. E' la drammatica previsione dell'Institute for Health Metrics and Evaluation (Ihme), centro di ricerca indipendente sulla sanità globale dell'Università di Washington, nel caso in cui la variante Omicron continui a diffondersi con "alta gravità". Le proiezioni si basano su un ipotetico scenario peggiore rispetto all'andamento attuale, in base al quale si arriverebbe invece nello stesso periodo a circa 9.500 decessi quotidiani. Le cose potrebbero invece migliorare sensibilmente alla luce di diversi fattori, tra cui una riduzione del numero dei no vax, un aumento delle terze dosi e un utilizzo diffuso delle mascherine da parte dell'80% della popolazione.

Tutta l'Europa in rosso o rosso scuro ad eccezione della Romania: è la fotografia sull'andamento dei contagi scattata dalla mappa aggiornata del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc). Il rosso scuro, che indica un'incidenza dei nuovi casi in forte aumento (oltre 500 casi al giorno ogni 100mila abitanti), copre per intero la Penisola iberica, Francia, Germania, Benelux, Grecia, e anche gran parte dell'Italia (ad eccezione della Sardegna), dei Paesi scandinavi e baltici e dell'Europa centro-orientale. L'unica eccezione è la Romania, dove si trovano le uniche regioni arancioni e verdi in Europa.

Il governo austriaco ha imposto l'obbligo di utilizzare mascherine Ffp2 anche all'aperto per cercare di frenare l'ondata di contagi di Omicron. Lo ha annunciato il cancelliere Karl Nehammer, parlando di una situazione "molto seria" che pone "una nuova sfida". Le Ffp2 erano già obbligatorie sui trasporti pubblici e negli spazi chiusi. Tra le restrizioni imposte da Vienna, c'è il lockdown di fatto per i non vaccinati, mentre l'obbligo generalizzato di immunizzazione entrerà in vigore dal primo febbraio. L'Austria ha registrato nell'ultimo bollettino quasi 10mila nuovi casi.

Israele. "Dalla mezzanotte di oggi per quanto ci riguarda non ci sono più 'Paesi rossi' ": lo ha annunciato ai media locali il direttore del ministero della sanità israeliano Nachman Ash. Si riferiva alla grande diffusione registrata ormai in Israele dalla variant Omicron. "Il tasso R di contagio - ha spiegato - è giunto a 2. Ieri abbiamo avuto 16 mila contagi, fra tre giorni saranno 30 mila, fra una settimana 50 mila". In questa situazione la categoria dei 'Paesi rossi' viene dunque rimossa dal suo ministero, che tuttavia consiglia ancora agli israeliani di recarsi all'estero il meno possibile.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Modifica consenso Cookie