Covid: Macron impone la linea dura contro il virus

Coprifuoco in molte città, 'ma lockdown sarebbe sproporzionato'

Anche la Germania, dopo Francia e Spagna, corre ai ripari e stringe la cinghia di fronte all'avanzata dei casi di coronavirus. Data la curva di crescita "talvolta molto ripida" in alcune zone della Germania, "saranno introdotte limitazioni nei contatti nelle zone dove le nuove infezioni superano i 50 nuovi contagi per 1000 abitanti sia in pubblico che in privato": ha annunciato la cancelliera Angela Merkel. "Sappiamo che i dati di riflettono gli accadimenti dei dieci giorni precedenti e quindi se introduciamo delle misure dobbiamo aspettare dieci giorni per vedere se la dinamica dell'epidemia si è fermata o diminuita e solo allora vedremo se sono necessarie altre misure" ha aggiunto.

FRANCIA - "La situazione è preoccupante, ma non abbiamo perso il controllo, niente panico". Di fronte all'avanzata della seconda ondata di coronavirus in Francia, Emmanuel Macron in diretta tv annuncia il coprifuoco notturno tra le 21 e le 6 a Parigi e in altre città dove il tasso di contagio sale di giorno in giorno, per almeno 4 settimane che quasi certamente diventeranno 6. Il presidente si mostra serio e preoccupato ma anche deciso a non sovraccaricare di ansia i francesi sottolineando che "un lockdown sarebbe stato sproporzionato".

Lille, Grenoble, Lione, Aix-en-Provence, Marsiglia, Montpellier, Rouen, Tolosa e Saint-Etienne, le città in "massima allerta sanitaria", seguiranno la sorte di Parigi, ha annunciato Macron, che ha fatto attenzione a sottolineare l'esigenza di "buon senso" che deve guidare i cittadini in questa fase che "durerà almeno fino all'estate 2021".

"Da 20.000 contagi si deve scendere a 3-5.000" al giorno, ha detto, pur non nascondendo il peso e la gravità dell'aumento dei pazienti Covid in terapia intensiva. E ostentando sicurezza, ha concluso il suo intervento - dopo i saluti dei due giornalisti che lo intervistavano - riprendendo la parola per rassicurare: "Ce la faremo". Ma Macron era reduce dalla giornata più difficile, con il governo spaccato fra i "puri e duri" dell'esigenza sanitaria - ministro della Salute Olivier Véran in testa - e almeno 4 ministri che si opponevano strenuamente al coprifuoco in nome della salvaguardia dell'economia delle città, dei commercianti e dell'eguaglianza fra chi se la può cavare ugualmente andando per 6 settimane nelle seconde case in campagna, grazie al telelavoro, e chi sarà costretto a stare in città senza uscire la sera per un mese e mezzo. "Non ci saranno restrizioni sui trasporti", ha precisato il presidente, perché "ci saranno persone che continueranno a lavorare la notte, o la sera, o il mattino presto".

E poi: "Non abbiamo deciso di ridurre gli spostamenti fra le regioni", un via libera di fatto a chi ha già organizzato la partenza da venerdì per i 15 giorni di vacanze scolastiche di Ognissanti. "Chiedere alle persone di rimanere chiusi in un appartamento e non andare in un luogo di vacanza - ha sottolineato - sarebbe sproporzionato".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie