Previdenza: oltre il 50% degli enti sceglie la sostenibilità

Brambilla, pubblico e privato possono collaborare su transizione

(ANSA) - MILANO, 08 GIU - Gli investimenti sostenibili sono una realtà per oltre la metà degli investitori istituzionali italiani, che ha scelto di adeguarsi ai principi Esg. E' quanto emerge dalla terza edizione dell'indagine di Itinerari Previdenziali, in cui viene indicato che il 56% degli enti coinvolti già adotta politiche d'investimento sostenibile e il 97% di quanti ancora non lo fanno intende procedere nel futuro.
    Un quadro che, secondo il presidente del Centro studi e ricerche di Itinerari Immobiliari Alberto Brambilla costituisce "un'importante occasione per sostenere la 'ricostruzione' del Paese nel post Covid-19" "E' evidente - ha affermato - che la sostenibilità sia ormai una componente essenziale di tutte le attività umane, nonché l'obiettivo che, ancor di più alla luce dell'esperienza pandemica, deve orientare lo sviluppo futuro del Paese e del mondo intero, nel pieno rispetto dei diritti ambientali, sociali e di governance".
    "I margini di crescita e implementazione - ha proseguito - sono ancora ampi ma, nel complesso, il bilancio può già dirsi positivo". "I fondi nazionali ed europei per la transizione ecologica e digitale - ha concluso Brambilla - uniti agli investimenti dei player istituzionali orientanti alla finanza Sri potrebbero auspicabilmente rappresentare un'efficace formula di collaborazione tra pubblico e privato in grado di consentire il rilancio dell'economia italiana nel prossimo decennio".
    (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video Economia




      Modifica consenso Cookie