Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Def entro il 10 aprile, verso la procedura Ue per il deficit

Def entro il 10 aprile, verso la procedura Ue per il deficit

Giorgetti, sarà leggero. Debito richiede ponderazione risorse

04 aprile 2024, 10:40

Redazione ANSA

ANSACheck

Il ministro dell 'Economia Giancarlo Giorgetti - RIPRODUZIONE RISERVATA

 Il Def quest'anno sarà "leggero", ma conterrà "numeri interessanti". Il ministro dell'Economia Giancarlo Giorgetti lascia volutamente un po' di "suspence" annunciando l'arrivo entro una settimana del nuovo Documento di economia e finanza. In una programmazione di bilancio che si misura con le sfide poste dalle nuove regole del Patto Ue, il Mef è al lavoro sulle stime chiave, ovvero Pil, deficit e debito. Mentre con l'indebitamento raggiunto nel 2023 è ormai "scontato" per l'Italia l'avvio della procedura per deficit eccessivo.

Il Def sarà presentato "a breve" al Parlamento, avrà "una conformazione leggermente diversa rispetto al passato, sicuramente più leggera" e "un contenuto assai asciutto", spiega Giorgetti in audizione sulla riforma della governance Ue alle commissioni Bilancio di Camera e Senato. Sarà anche l'ultimo sottoposto all'esame del Parlamento, evidenzia, ricordando che gli strumenti di programmazione previsti dalle nuove regole comportano la necessità di rivedere le disposizioni che ne "disciplinano la tempistica e i contenuti".

Niente spoiler sui numeri. Per gli ultimi dettagli, al Mef si attendono i dati aggiornati in arrivo dall'Enea sul Superbonus. Giorgetti ai giornalisti si limita a dire: "saranno "interessanti". E ai parlamentari: "Li verificherete quando presenteremo i dati il 9 aprile". Il ministro conta di approvare il Def "entro i primi 10 giorni di aprile". E infatti il consiglio dei ministri sarebbe già previsto per martedì 9. Sui numeri al momento si sa solo che il Pil 2024 dovrebbe crescere di "un modesto 1%", come anticipato una decina di giorni fa dallo stesso Giorgetti. Quindi un paio di decimali sotto l'1,2% indicato nella Nadef. Una limatura analoga, dovrebbe essere fatta per il 2025 (al +1,2%), secondo le anticipazioni del Sole24Ore. Indiscrezioni che indicano un disavanzo 2024 sotto al 4,5% (vicino al 4,3% stimato a ottobre), per poi scendere sotto il 4% l'anno prossimo. Servirà arrivare almeno al 2026, secondo Bloomberg, per scendere sotto l'obiettivo del 3%. Col livello toccato lo scorso anno (7,2% secondo le prime stime Istat), intanto, è ormai "scontato che la Commissione Ue raccomanderà al Consiglio di aprire una procedura di disavanzo eccessivo", dice Giorgetti. Un esito, precisa comunque, già scontato quando abbiamo presentato il Def del 2023.

Altro numero chiave sarà il debito, su cui pesa direttamente l'eredità del Superbonus. Siamo ad un livello che, per evidenti ragioni di sostenibilità, serve "la massima ponderazione delle risorse", avverte il ministro. E, forse pensando proprio al 110%, cui il governo ha appena impresso una nuova stretta, indica la necessità di sostituire i crediti d'imposta con strumenti "più controllabili". Mentre alle opposizioni che tirano in ballo il Ragioniere dello Stato, che secondo indiscrezioni potrebbe essere sostituito, replica tranquillo: "è assolutamente libero di dirvi cosa pensa". Giorgetti solleva anche il tema delle garanzie pubbliche: i vincoli della nuova governance Ue, dice, richiedono un "cambio di prospettiva", che riporti dall'emergenza verso un percorso ordinario.

Più in generale, benvenga l'indagine conoscitiva avviata dal Parlamento per valutare l'impatto del nuovo Patto sulle norme nazionali di bilancio: può essere "l'occasione per valutare la necessità di eventuali e ulteriori aggiustamenti utili a superare le criticità", osserva Giorgetti, che invita a concentrare la riflessione sull'opportunità di "un ulteriore potenziamento della flessibilità". Ma attenzione ad intervenire sui principi costituzionali, che restano "attuali" anche nel nuovo quadro. Il percorso comunque è lungo, dice Giorgetti, che auspica anche "intelligenza" da parte della nuova Commissione Ue. Chissà se ci anche lui a farne parte: "Cinque anni fa manifestai la mia indisponibilità", non ho cambiato idea, replica a chi gli chiede dei rumors che lo danno come possibile commissario. "Dopodiché - chiosa - i ministri ci sono, cambiano". 

 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza