Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Borsa: Milano in rosso con l'Europa, giù Azimut e Cucinelli

Borsa: Milano in rosso con l'Europa, giù Azimut e Cucinelli

Il petrolio spinge Eni e Saipem. Vendite su Tim

MILANO, 02 aprile 2024, 18:34

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

La Borsa di Milano segue le Piazze europee e Wall Street e chiude peggio delle altre sui timori che la Fed si prenda più tempo e non tagli i tassi a giugno. E' probabile che, invece, segua la tempistica la Bce mentre in Germania, l'inflazione è calata al 2,2% a marzo.
    Sul Ftse Mib (-1,22% a 34.235 punti), è finita sotto pressione in particolare Azimut (-4,7%) che ha in pancia una nuova banca digitale che sarà il frutto dello scorporo di una parte della rete. Vendite poi su Cucinelli (-3,9%) e Diasorin (-3,7%). Male poi Stellantis (-3,3%) che a mercati chiusi ha indicato vendite in calo a marzo in Italia.
    Flessione per Tim (-1,6%) nel giorno dell'incontro a Palazzo Chigi sul golden power a cui non si è presentata Vivendi che ha giustificato la sua assenza con una lettera. Sul versante opposto il buon passo del petrolio, ai massimi da fine ottobre, spinge Eni (+2,61%) e Saipem (+1,86%). Tra gli altri acquisti su Iveco (+1,92%), Unipol (+1,21%) e i bancari Banco Bpm (+1,07%) e Popolare Sondrio (+0,94%)
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza