Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Dall'Antitrust stop alla patatina superpiccante, chiusa l'istruttoria

Dall'Antitrust stop alla patatina superpiccante, chiusa l'istruttoria

Non più in vendita Hot Chip Challenge, 'mette in pericolo la salute dei più giovani con sfida online'

ROMA, 04 marzo 2024, 15:58

Redazione ANSA

ANSACheck
Rischi da sfida social  'Hot Chip Challenge ' -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Rischi da sfida social 'Hot Chip Challenge ' - RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA

L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha concluso con impegni il procedimento avviato nei confronti della società Dave's, distributrice del prodotto "Hot Chip Challenge". In particolare, gli impegni prevedono che Dave's non commercializzi e non pubblicizzi più l'articolo e che lo rimuova dai suoi listini di vendita.

La società distribuiva "Hot Chip Challenge", uno snack a base di patate con ingredienti per renderlo particolarmente piccante, incitando soprattutto i giovani - alla maniera di una sfida - a consumarlo senza bere e resistendo alla sua piccantezza.

L'Autorità ha ritenuto che gli impegni presentati dalla società siano idonei a far cessare i profili di illegittimità della pratica commerciale contestati nella comunicazione di avvio dell'istruttoria ovvero l'induzione ad una sfida rivolta, perlopiù, a consumatori adolescenti (diffusa anche attraverso i social media) e la non adeguata rappresentazione delle informazioni sui rischi per la salute connessi all'uso del prodotto. Inoltre l'Antitrust contestava la mancanza di informazioni rilevanti su un prodotto alimentare che poteva mettere in pericolo la salute e la sicurezza dei consumatori, specie se bambini o adolescenti.

Con questa decisione l'Autorità è intervenuta con successo per tutelare i consumatori più giovani e più influenzabili da messaggi che li inducono a mangiare prodotti anche pericolosi, facendo leva sulla loro propensione ad accogliere le sfide lanciate sui social media.

In particolare, - si legge nel documento dell'Antitrust - gli impegni proposti da Dave's consistono nel non commercializzare più il prodotto "HotChip Challenge", non pubblicizzare più sul sito internet e sui social il prodotto "HotChip Challenge" nonché (iii) cancellare dai suoi listini (B2B e B2C) il prodotto "HotChip Challenge". Gli impegni appaiono dunque "pienamente idonei a rimuovere gli elementi di illiceità delineati in sede di avvio dell'istruttoria. Si ritiene dunque che gli impegni presentati soddisfino i requisiti previsti dal Codice del Consumo. Si può dunque chiudere il procedimento senza accertare l'infrazioni.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza