Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Petrolio: Opec+ estende tagli produzione fino a giugno

Petrolio: Opec+ estende tagli produzione fino a giugno

Circa 2 milioni di barili a giorno. Russia taglia mezzo milione

MOSCA, 03 marzo 2024, 17:16

Redazione ANSA

ANSACheck
© ANSA/EPA
© ANSA/EPA

© ANSA/EPA

L'Opec+ ha esteso i tagli alla produzione di petrolio fino alla metà del 2024 . E' quanto hanno spiegato, secondo quanto riporta l'agenzia Bloomberg, alcuni delegati dell'associazione che riunisce la storica organizzazione dei produttori di petrolio più i nuovi membri, tra cui la Russia. La decisione per evitare un surplus di produzione. Sulla carta i tagli ammontano a circa 2 milioni di barili al giorno. La Russia ridurrà la produzione di petrolio di quasi mezzo milione di barili al giorno nel secondo trimestre del 2024. Lo ha annunciato oggi il vice primo ministro Alexander Novak. La capofila del gruppo, l'Arabia Saudita, rappresenta la metà della riduzione annunciata Trader e analisti si aspettavano ampiamente l'estensione dei tagli, per compensare il fattore stagionale e anche l'impennata della produzione da parte di diversi paesi rivali come gli usa con la produzione di scisto.
    Ad incidere anche le incertezze sulla crescita in Cina.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza