Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Nel 2023 Pil Italia a +0,9%, oltre previsioni del governo

Nel 2023 Pil Italia a +0,9%, oltre previsioni del governo

Deficit al 7,2% del Pil, peggio di stime. Ma è il dato migliora rispetto all'8,6% del 2022

01 marzo 2024, 15:09

Redazione ANSA

ANSACheck
Una catena di montaggio della Fiat -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Una catena di montaggio della Fiat - RIPRODUZIONE RISERVATA

Una catena di montaggio della Fiat - RIPRODUZIONE RISERVATA

Nel 2023 l'economia italiana ha registrato una crescita dello 0,9%. Lo rende noto l'Istat. La stima diffusa il 30 gennaio scorso in base alle rilevazioni trimestrali indicava invece un aumento del Pil dello 0,7%. Il dato diffuso oggi è superiore alle previsioni della Nadef che fissavano la crescita del Pil 2023 allo 0,8%.

Nel 2023 il rapporto deficit-Pil si è attestato al 7,2%, a fronte dell'8,6% nel 2022. Lo rende noto l'Istat. Le previsioni della Nadef erano di un deficit al 5,3% del Pil.

 



Nel 2023 il debito migliora al 137,3% del Pil

Nel 2023 il debito pubblico italiano è sceso al 137,3% del Pil dal 140,5% del 2022. Lo si evince dalle tabelle dell'Istat. Anche il saldo primario (indebitamento netto meno la spesa per interessi) è in miglioramento ma ancora negativo e pari a -70.864 milioni di euro, con un'incidenza sul Pil del -3,4% (-4,3% nel 2022). Il dato del debito è decisamente migliore rispetto alle stime della Nadef (140,2%).

 

 

Nel 2023 la pressione fiscale rimane invariata al 42,5%

Nel 2023 la pressione fiscale complessiva (ammontare delle imposte dirette, indirette, in conto capitale e dei contributi sociali in rapporto al Pil) è risultata pari al 42,5%, invariata rispetto all'anno precedente, per effetto di una crescita del Pil a prezzi correnti (+6,2%) pari a quella delle entrate fiscali e contributive (+6,3%). Lo rende noto l'Istat.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza