Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Urso all'ex Ilva di Taranto con il commissario Quaranta

Urso all'ex Ilva di Taranto con il commissario Quaranta

Il ministro agli operai: "Dobbiamo lavorare insieme per invertire la rotta"

ROMA, 27 febbraio 2024, 15:22

Redazione ANSA

ANSACheck

Ex Ilva: Urso, 'quella di Taranto è sfida per l 'Italia ' - RIPRODUZIONE RISERVATA

Ex Ilva: Urso,  'quella di Taranto è sfida per l 'Italia ' -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Ex Ilva: Urso, 'quella di Taranto è sfida per l 'Italia ' - RIPRODUZIONE RISERVATA

Il ministro Adolfo Urso dalle 6:15 è all'ex Ilva di Taranto per visitare gli impianti e per parlare con i lavoratori, accompagnato dal commissario straordinario Giancarlo Quaranta. Si tratta del primo appuntamento in agenda del responsabile del dicastero delle Imprese e del Made in Italy a Taranto: alle 8:15 si recherà in prefettura per un vertice con tutti i rappresentanti delle parti sociali, produttive e delle istituzioni locali e regionali. Urso è poi entrato nella fabbrica per una visita agli impianti. Poi terrà un punto stampa e a seguire si recherà al binario 1 della stazione ferroviaria di Taranto per l'arrivo del Treno del Ricordo, un convoglio storico messo a disposizione da Fondazione FS Italiane e appositamente allestito con una mostra multimediale e l'esposizione delle masserizie degli esuli. Presenti anche i sindacati e i deputati di Fratelli d'Italia Dario Iaia e Giovanni Maiorano. Urso si è trattenuto per alcuni minuti con gli operai, ascoltando le loro istanze e assicurando a sua volta l'impegno del governo per la continuità aziendale, prima di incontrare i delegati sindacali. 

"C'è l'obiettivo di rilanciare lo stabilimento ex Ilva nei prossimi mesi, nei prossimi anni, quando il sito sarà gestito me lo auguro da un player industriale importante e significativo che scommetta sul sito e quindi sul lavoro di Taranto per rilanciarlo e affermarlo in Italia e in Europa" ha detto Urso. "Se questo lavoro comune sarà fatto - ha aggiunto - sono convinto che vinceremo questa sfida e se vinciamo la sfida di Taranto, che era l'emblema della decadenza industriale e ambientale del Paese, vuol dire che ci riusciamo in Italia". "Per questo non è - ha detto rivolgendosi a operai e rappresentanze sindacali unitarie - una sfida solo vostra, non è in palio solo il vostro lavoro, in palio è il lavoro italiano".

"Dobbiamo lavorare insieme per invertire la rotta a rilanciare e mettere in sicurezza il sito siderurgico più importante d'Italia che può tornare ad essere nella fase di ambientalizzazione il sito siderurgico più ambientale e più sostenibile d'Europa" ha aggiunto Urso parlando ai lavoratori. "Vi chiedo - ha aggiunto - piena e massima collaborazione e io vi darò la piena e massima collaborazione del governo e di tutte le istituzioni. Dobbiamo dimostrare che questo è il sito della città, che questo è il sito siderurgico della nostra nazione. Vogliamo rilanciarlo ed assegnarlo poi a chi davvero dimostra, e noi controlleremo che così sia, passo dopo passo, perché il governo c'è oggi e ci sarà anche nei prossimi mesi e nei prossimi anni". Rivolgendosi a operai e sindacati il ministro ha esortato: "Aiutateci a raggiungere questo obiettivo a nome dei lavoratori italiani perché noi siamo convinti che la scommessa di ciascuno di noi è nel lavoro che ciascuno di noi esercita e voliamo restituire ai lavoratori, a tutti i lavoratori, in qualunque ambiente essi operino, l'orgoglio di essere lavoratori italiani. E io credo che insieme - ha concluso - riusciremo a ripristinare a Taranto l'orgoglio di essere lavoratori del sito siderurgico Acciaierie d'Italia".

"La sicurezza ambientale per noi è fondamentale e con essa la sicurezza del lavoro. Per questo metteremo in condizione il commissario di avere presto quelle risorse finanziarie che servono alla manutenzione degli impianti perché vanno fatte le manutenzioni e come sapete con il decreto legge che abbiamo realizzato ormai è obbligatorio mantenere al lavoro i manutentori" ha commentato il ministro. "I primi lavoratori - ha proseguito - che devono essere in fabbrica sono quelli che garantiscono la sicurezza degli impianti e quindi del lavoro. Nel contempo garantiremo le risorse necessarie per la manutenzione e il rilancio produttivo del sito di Taranto e di quelli ad esso collegati. Mi riferisco a Novi Ligure, a Genova, a Racconigi, dove mi recherò nei prossimi giorni per incontrare anche lì i lavoratori di Acciaierie d'Italia e dell'indotto. Noi crediamo fortemente che occorre rilanciare da subito la produzione per poi, come abbiamo detto e così faremo, realizzare delle procedure pubbliche per consentire ad altri investitori di poter scommettere davvero su questo impianto".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza