Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

I tassi sui mutui triplicati affossano la compravendita di case

I tassi sui mutui triplicati affossano la compravendita di case

L'analisi Fabi: la stretta monetaria della Bce manda in frantumi il sogno di tanti giovani e famiglie di comprare la casa, compravendite in caduta libera

MILANO, 24 febbraio 2024, 13:47

Redazione ANSA

ANSACheck

Il centro abitato di una metropoli italiana - RIPRODUZIONE RISERVATA

Il centro abitato di una metropoli italiana -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Il centro abitato di una metropoli italiana - RIPRODUZIONE RISERVATA

La stretta monetaria della Bce manda in frantumi il sogno di tanti giovani e famiglie di comprare la casa. Con i tassi d'interesse sui mutui triplicati negli ultimi due anni, aumentano gli italiani che non vogliono indebitarsi mentre sono in caduta libera le compravendite immobiliari. Sarà ora fondamentale per le banche e anche per le famiglie che la Bce "acceleri l'avvio del percorso di riduzione del costo del denaro", afferma Lando Maria Sileoni, segretario generale della Fabi.

    A fotografare gli effetti della stretta monetaria sui mutui e sul mercato immobiliare è la Fabi, in un'analisi che confronta la situazione degli ultimi tre anni. A fine dicembre dello scorso anno, con la fiammata del costo del denaro, portato al 4,5% dalla Bce, gli interessi medi applicati ai prestiti immobiliari erano arrivati al 4,40%, vale a dire esattamente il triplo rispetto all'1,45% di gennaio 2022, livello minimo degli ultimi anni. Gli interessi sui mutui sono poi saliti già nell'arco del primo semestre del 2022, con il mercato che, per prassi, ha anticipato le decisioni della banca centrale.

    Ulteriori, importanti aumenti sono arrivati nel corso del 2023: 3,68% a gennaio e 4,02% a marzo, con il picco raggiunto a novembre e i tassi arrivati al 4,61%, per poi ripiegare al 4,40% di dicembre e il 3,99% di gennaio scorso. Resta da capire se la "discesa dell'ultimo bimestre sia l'inizio di un percorso strutturale e non un fatto episodico", spiega la Fabi.

    Uno scenario che ha portato alla contrazione dal 50% al 41% della quota di persone che si indebita per acquistare un immobile. Nel corso del 2023, infatti, si registra un calo dello stock di mutui di 2,3 miliardi di euro (192 milioni al mese in media) dopo l'aumento di oltre 35 miliardi registrato nel biennio precedente, grazie ai 18,3 miliardi in più nel 2021 e alla crescita di 17 miliardi raggiunta nel 2022.

    L'allentamento della politica monetaria, atteso ormai dalla maggior parte degli osservatori, è "fondamentale proprio per rimettere in condizione, al più presto, le banche di poter tornare a sostenere il mercato immobiliare. Per l'Italia significa ridare ossigeno a un pezzo fondamentale della nostra economia che vale diversi punti di Pil, se si conteggiano tutti i settori collegati alla compravendita e tutto il cosiddetto indotto", aggiunge Sileoni.

    Il terzo trimestre del 2023 ha confermato il netto calo delle compravendite degli immobili residenziali in Italia, iniziato col quarto trimestre 2022, dopo una crescita continua e accelerata dal 2020. Il calo registrato nei primi nove mesi del 2023 coinvolge tutto il territorio e ogni tipologia di abitazione. Il numero delle compravendite a fine settembre 2023 si è attestato a 507.879, contro le 576.115 registrate nello stesso periodo del 2022, con una riduzione dell'11,8%. Molto significativo è la flessione subita dalle compravendite delle nuove abitazioni (-15,9%).

I dati dimostrano che il "delicato equilibrio tra tassi di interesse e inflazione - conclude l'analisi - ha messo a dura prova la capacità di indebitamento degli italiani e trascinato verso il basso gli investimenti nel mattone".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza