Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Fisco: addio maxi-sanzioni, saranno ridotte a un terzo

Fisco: addio maxi-sanzioni, saranno ridotte a un terzo

Ok del Cdm alla revisione. Leo: "Lo Stato deve venire incontro agli onesti, ma vigilare sui furbi"

ROMA, 22 febbraio 2024, 11:28

Enrica Piovan

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

 Addio maxi sanzioni fino al 240%. Chi commette violazioni in materia di tasse pagherà al massimo il 120% dell'ammontare dovuto. Ma le sanzioni saranno ridotte anche di più, in media ad un terzo. Con il decreto legislativo sulle sanzioni tributarie, che ha ottenuto oggi il via libera preliminare del consiglio dei ministri, arriva la revisione complessiva del sistema, che interviene sia sul fronte amministrativo che su quello penale, con la riduzione delle sanzioni, la revisione dei rapporti tra processo penale e processo tributario e l'introduzione di meccanismi di compensazione tra le sanzioni da irrogare e quelle già irrogate.

"Prosegue senza sosta la rivoluzione fiscale del governo, mirata a costruire un sistema più equo e giusto a vantaggio di cittadini e imprese", sottolinea il viceministro all'Economia Maurizio Leo, che mette a terra nono decreto attuativo della riforma approvata la scorsa estate. L'obiettivo è semplificare il sistema eliminando sovrapposizioni, ma anche rendere più facilmente esigibili i crediti dei contribuenti. Per quanto riguarda in particolare le sanzioni amministrative "verranno ridotte da un quinto a un terzo, avvicinandole ai parametri europei e introducendo un principio di maggiore proporzionalità", spiega. Sul fronte penale, invece, "verranno adeguate le norme relative alla non punibilità agli indirizzi emersi dalla giurisprudenza, aiutando chi non può pagare per cause di forza maggiore, chi decide comunque di mettersi in regola, anche attraverso la rateizzazione, pagando l'intera imposta, le sanzioni (ridotte) e gli interessi", spiega il viceministro, che assicura: "verranno invece colpiti i comportamenti fraudolenti, simulatori ed omissivi a danno del fisco". Lo Stato infatti, sottolinea, "deve venire incontro ai contribuenti onesti, ma non può e non deve abbassare la guardia nei confronti di coloro che fanno i furbi".


Si volta dunque pagina rispetto ad un sistema che lo stesso Leo ha più volte definito "da esproprio", con sanzioni fino al 240%: ora di fatto non si andrà oltre il 120% del dovuto. Questa sarà la sanzione se non si presenta la dichiarazione dei redditi e dell'Irap o la dichiarazione del sostituto d'imposta. Mentre se si dichiara meno dell'accertato o del dovuto, la sanzione, passa dall'attuale 90-180%, al 70%. Viene però aumentata (anziché della metà, "dalla metà al doppio") in caso di comportamento fraudolento. Arriva anche la possibilità, per chi ha crediti "non prescritti, certi, liquidi ed esigibili" nei confronti della Pubblica Amministrazione di compensarli con le somme dovute a titolo sanzioni e interessi per mancati versamenti di imposte sui redditi. Mentre non sarà punito chi corre ai ripari con dichiarazione integrativa e versamento entro 60 giorni, se la violazione è stata causata dall'incertezza della norma. Sul fronte penale, poi, si interviene con particolare riferimento alla revisione dei profili sanzionatori per gli omessi versamenti non reiterati.

Intanto il fisco pianifica le prossime mosse sul fronte della lotta all'evasione. Il nuovo Piano integrato di attività 2024-26 che l'Agenzia delle Entrate non ha ancora pubblicato, si prevedono, secondo quanto anticipato dal Messaggero, per il prossimo triennio almeno 320mila controlli sostanziali l'anno e l'invio di 3 milioni di lettere per invitare i contribuenti a regolare le loro posizioni. 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza