Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Fim, Fiom e Uilm chiedono di ridurre l'orario di lavoro fino a 35 ore

Fim, Fiom e Uilm chiedono di ridurre l'orario di lavoro fino a 35 ore

Presentata la piattaforma del contratto dei metalmeccanici, richiesta per aumento di 280 euro

ROMA, 21 febbraio 2024, 10:04

Redazione ANSA

ANSACheck

L 'interno di una industria - RIPRODUZIONE RISERVATA

L 'interno di una industria -     RIPRODUZIONE RISERVATA
L 'interno di una industria - RIPRODUZIONE RISERVATA

 I sindacati dei metalmeccanici Fim-Cisl, Fiom-Cgil e Uilm-Uil presentano la piattaforma unitaria per il rinnovo del contratto, in scadenza il prossimo 30 giugno, per il 2024-2027, che riguarda più di 1,5 milioni di lavoratori. Sul fronte salariale, la richiesta di aumento medio, relativa al triennio, è pari a 280 euro sul trattamento economico minimo. Tra le principali novità, la richiesta di sperimentare la riduzione dell'orario di lavoro a parità di salario: "Chiediamo che si avvii una fase di sperimentazione contrattuale con l'obiettivo di raggiungere progressivamente una riduzione dell'orario di lavoro a 35 ore settimanali". 
   

Le parti, affermano i sindacati nella piattaforma, "si impegnano a coinvolgere il governo per individuare un idoneo ed efficace strumento legislativo che favorisca la riduzione contrattuale dell'orario di lavoro anche attraverso le risorse oggi impegnate in ammortizzatori sociali, anche per favorire un sostegno alla formazione". Per Fim, Fiom e Uilm, "i cambiamenti epocali della transizione ecologica, digitale e tecnologica insieme ai processi di riorganizzazione e crisi necessitano di risposte inedite per gestire gli effetti occupazionali e per garantire, promuovere ed incrementare buona occupazione e conciliare la vita e il lavoro". Dunque la riduzione dell'orario di lavoro è una via che si può applicare anche in settori/aziende coinvolti in processi di transizione, riorganizzazione o crisi e di riqualificazione professionale.

Sul fronte del welfare integrativo, i sindacati dei metalmeccanici chiedono un aumento dell'importo a 250 euro annui per i flexible benefits. Quanto all'occupazione sostengono di confermare che il contratto a tempo indeterminato e di apprendistato rimangano le principali forme di assunzioni e, per ridurre la precarietà, di definire "una percentuale massima di utilizzo, riferita ad ogni unità produttiva, per tutti i rapporti di lavoro non a tempo indeterminato e staff leasing". Non manca il capitolo formazione, da effettuare anche durante l'utilizzo degli ammortizzatori sociali, con il riconoscimento della piena retribuzione. Nei processi di transizione che determinano un cambiamento nelle competenze è necessario, sostengono ancora, "definire in sede aziendale specifici interventi". Guardando all'intelligenza artificiale, chiedono la definizione di un'apposita normativa per "evitare un utilizzo distorto che determini forme di abusi o violazioni normative/contrattuali e favorire la partecipazione alla definizione della governance dei dati e del loro utilizzo e degli algoritmi per limitare il loro impatto negativo".

Sulla conciliazione dei tempi di vita-lavoro, sostengono di definire permessi aggiuntivi specifici per il lavoro di cura, per figli minori, per genitori anziani e familiari disabili. Per il congedo parentale, la richiesta è di integrare il trattamento economico previsto portando l'integrazione al 100% del reddito per ulteriori due mesi (attualmente all'80% e al 60%).

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza