Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Bombardieri, un lavoratore su tre non può andare in vacanza

Bombardieri, un lavoratore su tre non può andare in vacanza

'In Europa sono 38 milioni, il 19,5% della platea'

ROMA, 19 luglio 2023, 18:32

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Sono 38 milioni, il 19,5% della platea interessata, i lavoratori che, in Europa, non possono permettersi di pagare una vacanza estiva per sé e per la propria famiglia. Il dato è stato elaborato dal Sindacato Europeo (Ces) che, peraltro, ha messo in evidenza come in Italia ci sia una situazione tra le peggiori: è il 30,75% dei lavoratori italiani, infatti, a non potersi permettere una vacanza. Siamo molto al di sopra della media europea. Non solo; questa percentuale è ben oltre il doppio di quella che si registra in Francia e in Germania, dove solo il 13% dei lavoratori non può godersi un periodo di ferie estive".

Lo sottolinea il segretario della Uil Pierpaolo Bombardieri.

"Nel nostro paese, dunque, un lavoratore su 3 non va in vacanza. Evidentemente, parliamo di persone che hanno, sì, un posto di lavoro, ma salari non adeguati o addirittura poveri. Se poi consideriamo anche coloro che hanno perso il lavoro o sono in una condizione di precarietà, questa percentuale è destinata ad aumentare. Semmai ce ne fosse stato bisogno si conferma, ancora una volta, che nel nostro Paese c'è una questione salariale in tantissimi settori, a cominciare, peraltro, proprio da quello del turismo, dove si stanno registrando considerevoli profitti, mentre restano al palo i rinnovi di molti contratti collettivi".    

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza