illycaffè sempre più sostenibile, diventa B corp

Pogliani, nessuna antitesi tra profitto, crescita e far del bene

(ANSA) - TRIESTE, 14 APR - Dopo aver conseguito lo status di Società Benefit nel 2019, illycaffè diventa ora la prima azienda italiana del caffè a ricevere la certificazione B Corp, riconosciuta alle imprese che operano secondo i più alti standard di performance sociale e ambientale, di trasparenza e responsabilità.
    Il B Corp viene assegnato a quelle aziende che ottimizzano il loro impatto positivo verso i dipendenti, le comunità di riferimento e l'ambiente intendendo "l'impresa come forza positiva, per rigenerare la società e l'ambiente, parametri valutati attraverso la misurazione integrale del valore che creano le imprese e l'impegno per il continuo miglioramento.
    "Per noi è la conferma della bontà e solidità del nostro modello di business: creare valore per tutti stakeholder", dunque con "la comunità con cui interagiamo, i clienti, i fornitori, i partner, preservando l'ambiente dove compriamo caffè", enumera l'a.d. Massimiliano Pogliani "con orgoglio". Un altro capitalismo è possibile? "Direi che non esiste antitesi tra profitto, crescita e fare del bene; non bisogna per forza essere una 'no profit charity' per avere un impatto positivo sulle persone", specifica.
    illycaffè, azienda familiare fondata a Trieste nel 1933 con la "missione" di offrire il miglior caffè al mondo, contribuisce alla condivisione del know-how e al riconoscimento ai produttori di un premium price per la migliore qualità; celebra i coltivatori che producono il miglior lotto di caffè sostenibile; dal 2013 è una World Most Ethical Company. Dal 2019 ha adottato lo status di Società Benefit; anni fa ha fondato l'Università del Caffè. Nel 2019 illycaffè ha impiegato 1405 persone, ha un fatturato consolidato pari a 520,5 milioni di euro. Gli store e i negozi monomarca illy nel mondo sono circa 269 in più di 40 Paesi. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video Economia



        Vai al sito: Who's Who

        Modifica consenso Cookie