Commissione Ue accusa Amazon per uso dati dei venditori

La società guidata da Bezos: 'Non siamo d'accordo con le accuse'

La Commissione europea ha messo formalmente sotto accusa Amazon per l'utilizzo improprio dei dati aziendali non pubblici dei venditori indipendenti, una pratica con cui creerebbe un vantaggio per le proprie attività di vendita al dettaglio. Lo ha annuncia la stessa Commissione.
L'antritrust Ue ha inoltre avviato una seconda indagine formale sul possibile trattamento preferenziale delle offerte messo in atto da Amazon nei confronti dei venditori che utilizzano i servizi di logistica e consegna della società.

La Commissione è giunta alla conclusione preliminare che Amazon abbia abusato illegalmente della sua posizione dominante come fornitore di servizi in Germania e Francia. Il gigante dell'e-commerce "potrebbe aver utilizzato dati sensibili su larga scala per competere con i rivenditori più piccoli. Ora sta a loro rispondere", ha spiegato la vicepresidente della Commissione ue, Margrethe Vestager.

Secondo Bruxelles, la grande quantità di dati sui venditori terzi a cui Amazon ha accesso fluiscono direttamente nei sistemi automatizzati di vendita, che aggregano questi dati e li utilizzano per calibrare le offerte al dettaglio di Amazon e le decisioni aziendali strategiche a scapito degli altri venditori sul mercato.

L'antitrust Ue ha poi ha avviato una seconda indagine sulle presunte pratiche sleali che la società di Jeff Bezos avrebbe messo in atto per favorire la vendita dei propri prodotti e dei venditori che utilizzano i suoi servizi di logistica e consegna di Amazon. Nel mirino ci sono in particolare i criteri stabiliti per selezionare il vincitore della cosiddetta 'Buy Box', che consente ai venditori di offrire prodotti agli utenti abbonati al programma di fedelità Amazon Prime, e l'utilizzo stesso di Prime da parte dei venditori indipendenti. Ora la palla passa nel campo della società con sede a Seattle, chiamata a rispondere alle accuse nelle prossime settimane.

"Non siamo d'accordo con le affermazioni preliminari della Commissione europea e continueremo a fare ogni sforzo per garantire che" Bruxelles "abbia una comprensione accurata dei fatti": così in una nota Amazon replica all'antitrust Ue che le ha rivolto accuse formali per possibili pratiche sleali.

 

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video Economia



        Vai al sito: Who's Who

        Modifica consenso Cookie