Dalla Bce cautela sull'economia anche prima dell'emergenza

E' quanto emerge dalle minute della riunione del 22-23 gennaio pubblicate oggi

Nella riunione del 22-23 gennaio i membri del Consiglio della Bce vedevano rischi per le prospettive economiche - dal protezionismo alle tensioni geopolitiche, alle vulnerabilità dei mercati emergenti - già prima che l'emergenza coronavirus divampasse mettendo a rischio le stime di crescita per il 2020. Lo rivelano le minute della riunione pubblicate oggi dalla Banca centrale europea. Che parlano di una "possibile ripresa, ma notano: "Anche se una valutazione dei rischi più positiva potrebbe sostenere la fiducia nella ripresa e negli sviluppi economici, è stato osservato che prospettive economiche più
ottimistiche devono essere comunicate con cautela", si legge nel documento.

Nella riunione di gennaio la Bce ha mantenuto invariato lo stimolo monetario. E, anche se hanno ribadito di dover valutare le misure messe in campo "alla luce dei potenziali effetti collaterali", i governatori hanno mantenuto l'impegno a mantenere tassi negativi ancora a lungo, vista l'inflazione sempre "ben lontana" dall'obiettivo del 2%.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia



Vai al sito: Who's Who

Modifica consenso Cookie