Lavoro: Nomisma, 55% usa welfare aziende

C'è chi preferisce soldi, anche se con tassazione più elevata

(ANSA) - MILANO, 16 GEN - Nelle aziende dove è presente un accordo di welfare interno emerge che solo il 55% dei lavoratori fruisce dei suoi servizi anche se il 70% lo valuta positivamente. Emerge da uno studio curato da Nomisma in collaborazione con la Cgil.
    Secondo la ricerca - che ha coinvolto un panel di oltre 70 aziende e un campione di 1.822 lavoratori suddivisi in impiegati (49%), operai (45%) e quadri (6%) - emerge come più di un terzo degli intervistati sia "pienamente consapevole" rispetto al tema del welfare aziendale. Il 45% dei lavoratori ha sottolineato invece di essere stato informato a grandi linee e il 9% per nulla. Ad usare maggiormente i servizi di welfare sono donne (61%) e famiglie con figli (59%), mentre gli uomini sono al 52%.
    La mancata capacità di intercettare gli attuali bisogni dei lavoratori, seguita dalla scelta di ricevere al posto del servizio di welfare somme di denaro - seppur soggette a una tassazione più elevata - sono i motivi che spingono maggiormente verso la non fruizione dei benefit.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video Economia



      Vai al sito: Who's Who

      Modifica consenso Cookie