• Davos: Oxfam ai candidati premier in Italia, servono fisco progressivo e lavoro

Davos: Oxfam ai candidati premier in Italia, servono fisco progressivo e lavoro

Lettera aperta li sollecita su proposte, anche tetto a manager

Una lettera ai candidati premier delle elezioni italiani, per sollecitare un impegno contro la povertà e per ridurre il divario della ricchezza, è stata inviata dall'Oxfam, la organizzazione no profit che ha elaborato il rapporto sulla povertà dal titolo "Ricompensare il lavoro, non la ricchezza" alla vigilia del World Economic Forum di Davos.

Il testo, pubblicato sul sito, sollecita risposte concrete dai premier e si impegna a pubblicare le risposte che arriveranno. La lettera - che focalizza l'attenzione sul fisco, sul lavoro e sulla spesa pubblica - riporta i dati dell'Italia sulla disuguaglianza e ricorda ai politici che "in un sondaggio realizzato da Demopolis per Oxfam in Italia la maggioranza dei cittadini intervistati (61%) ha dichiarato di avere percepito un trend crescente della disuguaglianza" e che "l'80% del campione intervistato ritiene prioritario e urgente il contrasto alle diseguaglianze".

Le misure proposte da Oxfam in campo fiscale sembrano andare controcorrente rispetto ad un dibattito che sembra ora concentrato sulla "flat tax", un'aliquota unica per la tassazione sui redditi. Secondo l'ong, infatti, "una maggiore progressività dei sistemi fiscali e misure di contrato all'evasione e all'elusione garantiscono una più equa distribuzione delle risorse in Italia". Sul fronte del lavoro, invece, si chiedono "misure e incentivi a sostegno di modelli imprenditoriali virtuosi, che praticano una maggiore equità retributiva e garantiscono livelli salariali dignitosi" ma anche "l'introduzione di un tetto agli stipendi dei manager, in modo da contenere il divario retributivo nel rapporto da 20 a 1" oltre all' "eliminazione del divario retributivo di genere" tra uomini e donne.

Il terzo capitolo riguarda la spesa pubblica e viene sostenuto che "per ridurre le disuguaglianze sono fondamentali servizi pubblici di qualità in ambito sanitario ed educativo, adeguatamente sostenute dal bilancio pubblico" e "senza disparità dovute al contesto territoriale". "Le chiediamo quali politiche - conclude la lettera inviata ai candidati Premier - lei e il suo gruppo politico intendono perseguire una volta al Governo per ridurre i livelli di disuguaglianza".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia



Vai al sito: Who's Who

Modifica consenso Cookie