Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Tregua Pd sul terzo mandato, la palla al gruppo di lavoro

Tregua Pd sul terzo mandato, la palla al gruppo di lavoro

Sindaci e governatori insistono sul Sì. Schlein domenica a Cutro

ROMA, 19 febbraio 2024, 23:08

Giampaolo Grassi

ANSACheck

Il segretario del Partito Democratico, Elly Schlein - RIPRODUZIONE RISERVATA

Il segretario del Partito Democratico, Elly Schlein -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Il segretario del Partito Democratico, Elly Schlein - RIPRODUZIONE RISERVATA

 Il Pd prende tempo per decidere sul terzo mandato, ma Elly Schlein ha portato a casa un risultato: ha evitato la spaccatura del partito. In direzione è passata la proposta della segreteria di creare un gruppo di lavoro che discuta una riforma complessiva degli enti locali. E quindi, che trovi una mediazione anche fra chi è a favore del terzo mandato, come sindaci e govenatori, e chi no, come Schlein. C'è una scadenza: entro giovedì. Quel giorno in commissione al Senato si voterà l'emendamento della Lega che chiede di togliere i limiti alla candidabilità per chi guida le amministrazioni locali e le Regioni. O meglio, si dovrebbe votare, perché nei corridoi del Transatlantico si parla di un possibile ritiro dell'emendamento, con conseguente slittamento della discussione a chissà quando.

"La maggioranza è spaccata, soprattutto sul terzo mandato" è stata la premessa di Schlein. Come a dire, non togliamo noi le castagne dal fuoco a loro, anzi, approfittiamone per mettere in evidenza le loro contraddizioni: se alla Lega salta il terzo mandato - è la previsione - ci sarà un "effetto domino" negli accordi di centrodestra su Autonomia e Premierato. "Anche al nostro interno ci sono sensibilità diverse - ha poi ammesso Schlein - ma noi siamo abituati a discutere e a confrontarci". Col tavolo, ha concluso nella replica, "riusciremo insieme a fare un passo avanti". 

 

 

 

 L'accordo sul gruppo di lavoro ha evitato che venisse presentato un ordine del giorno per il "sì" al terzo mandato: col voto ci sarebbe stato un forte rischio spaccatura. Ma il senso di quel "passo avanti" è ancora tutto da stabilire. Per esempio, il sindaco di Firenze Dario Nardella ha letto nella proposta della segreteria "l'esigenza di una sintesi unitaria. E questa sintesi prevede una disponibilità a fare un passo in avanti sulla riforma del numero dei mandati e dunque sulla previsione del terzo mandato". Sul quel tasto ha insistito anche il governatore dell'Emilia Romagna e presidente del Pd, Stefano Bonaccini, che guida la minoranza interna al partito.

Su questo tema, la posizione di Bonaccini è analoga a quella di altri governatori, come il campano Vincenzo De Luca e il pugliese Michele Emiliano. "Se si estende il terzo mandato fino ai Comuni con quindicimila abitanti - ha detto il presidente dell'Emilia Romagna - non si capisce perché si debba evitarlo per gli altri Comuni e per i presidenti di Regione". Stesse parole dal sindaco di Bari e presidente dell'Anci, Antonio Decaro, e dal sindaco di Pesaro e coordinatore dei sindaci Pd, Matteo Ricci: "Il Sì al terzo mandato è una scelta di buonsenso". Il controcanto lo ha fatto il deputato Marco Sarracino: altro che ragionare sul terzo mandato, il tavolo può invece essere l'occasione per "aprire una riflessione sull'elezione diretta" di sindaci e presidenti di Regione, visto che "critichiamo l'accentramento dei poteri che sta facendo la presidente del consiglio". Apriti cielo: "Evitiamo che passi l'idea che siamo contro l'elezione diretta dei sindaci - gli ha risposto duro Bonaccini - chi vive in una comunità apprezza di poter scegliere il sindaco o la sindaca". Insomma, la sintesi non appare a portata di giorni: ci proverà il gruppo di lavoro composto Alessandro Alfieri, Davide Baruffi e Igor Taruffi della segreteria, dai capigruppo Francesco Boccia e Chiara Braga e da amministratori come Decaro, Ricci e Nardella. Il terreno davanti a Schlein, per adesso, è sminato. Ora la segretaria pensa alla Sardegna: in questi giorni sarà sull'isola per sostenere la corsa di Alessandra Todde. Domenica sarà a Cutro, nell'anniversario della strage. 

 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza