Cultura
  1. ANSA.it
  2. Cultura
  3. Un film al giorno
  4. Futura, l'Italia del domani per i giovani di oggi

Futura, l'Italia del domani per i giovani di oggi

In sala docu di Marcello, Rohrwacher, Munzi 'archivio storico'

(di Alessandra Magliaro) (ANSA) - ROMA, 24 OTT - L'Italia giovane di oggi: ragazzi di tutti i ceti e latitudini a parlare di futuro ossia di loro, come si immaginano di vivere tra qualche anno, cosa sperano. E' un affresco corale il documentario Futura, presentato ad Alice nella città dopo la prima mondiale alla Quinzaine des Réalisateurs di Cannes. Prodotto da Avventurosa e Rai CinemaArriverà nei cinema italiani per un evento di tre giorni, il 25, 26, 27 ottobre, distribuito da Luce Cinecittà. Pietro Marcello, Francesco Munzi, Alice Rohrwacher sono gli autori del film collettivo in cui i giovani potranno riconoscersi. Le loro speranze molto spesso lasciano il passo ad altri sentimenti piu' cupi, condizionati dal momento storico della pandemia. "Aleggia l'idea di un mondo che sta per finire - ammette Rohrwacher - ci troviamo davanti al buio, loro portano la luce".
    "Mi emoziona e mi fa piangere questo lavoro che abbiamo fatto - confessa Marcello - c'e' una grande inquietudine, sembra un paradosso chiedere del futuro a questi ragazzi che ne sono stati derubati". Cominciato prima della pandemia e poi proseguito durante e dopo, il documentario mostra giovani tra i 15 e i 20 anni in tutta la difficolta' dell'oggi: "Vivono in un tempo complicato, si muovono in un presente difficile da acchiappare e la pandemia li ha resi ancora piu' fragili rispetto all'immaginario di quello che potranno vivere, costruire, come se ci fosse piuttosto una prossima fine del mondo, un concetto non nuovo ma che oggi con la pandemia sembra trovare ragioni piu' scientifiche", prosegue Munzi. Non tanto la paura quanto "l'angoscia sembra il sentimento prevalente pur senza generalizzare, facce di giovani che non sanno bene come andranno a finire, che non hanno slanci. Una gioventu' piu' libera, meno condizionata delle generazioni precedenti come possono essere le nostre, piu' abituata - aggiunge Alice Rohrwacher, al lavoro sulla sua prima serie tv 'Ci sara' una volta' - a comunicare se stessa con i social, a raccontarsi su Instagram, che a riflettere, esprimere opinioni".
    L'idea dei tre registi, tutti genitori di figli adolescenti era fare "un affresco dei giovani di oggi e consegnarlo agli archivi, alla storia, un come eravamo da ricordare quando sara' il momento", come accaduto ad esempio al lavoro di Pasolini Comizi d'amore. Il riferimento cinematografico e' alle fantastiche inchieste nell'Italia post bellica di Soldati, Rossellini, Comencini, Pasolini. "Futura e' un film al servizio dei giovani. Di solito come registi parliamo di nostre visioni personali, questa volta abbiamo fatto squadra per un film collettivo orizzontale, avendo le nostre visioni di cineasti e genitori ma senza tesi, senza aspettarci risposte, senza essere sociologi dei nostri figli e dei ragazzi come loro, ma - spiega Pietro Marcello (Per Lucio, Martin Eden) - proprio ascoltandoli, mettendoli al centro. Un cinema didattico, un archivio consegnato al futuro".
    L'approccio pero' , aggiunge Munzi (Il Miracolo, Anime Nere) "non e' stato paternalistico, noi volevamo solo capire meglio gli adolescenti, la loro voce non si sente mai, domandare loro del futuro implica chiederci come noi glielo stiamo lasciando".
    Girato attraverso l'Italia, dal nord al sud, senza un criterio scientifico o sociologico, ma seguendo suggestioni e associazioni libere cosi' da raccontare la diversita' dei ragazzi, le differenti provenienze, e per restituire un'idea della temperatura del nostro Paese. "Nell'atto di desiderare e immaginare il proprio futuro conta molto dove vivi, dove sei nato: questa tensione origina punti di vista molto differenti, territorialmente connotati", ammettono gli autori. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie