Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Melissa Satta: 'io definita sex addicted, anche questa è violenza sulle donne'

Melissa Satta: 'io definita sex addicted, anche questa è violenza sulle donne'

"Denigrata in maniera immotivata e gratuita, ora querelo"

ROMA, 01 marzo 2024, 11:22

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA

Durissimo sfogo di Melissa Satta che denuncia come, alla fine di un anno per lei difficilissimo, sia stata definita da alcuni media, in maggior parte britannici, "allo scopo di rendere più gustosa la notizia" sulla fine della sua relazione con il tennista Matteo Berettini "in modo allucinante", addirittura con titoli come "sex addicted", una definizione ingiusta e che la "lacera profondamente". "La violenza psicologica - dice - è grave quanto quella fisica".

"Per un anno ho preso secchiate di m...a per la mia relazione appena conclusa", prosegue, e "adesso che è giunta al termine ancora una volta devo subire queste cose. E io lo trovo inaccettabile. Ora prenderò provvedimenti seri con i miei avvocati". La Satta ricorda, che prima di essere un personaggio pubblico, è una donna e una mamma di un bambino di 10 anni, nato dalla relazione con Kevin Prince Boateng, "che va a scuola e ha dei compagni con cui parla".

"Non voglio strumentalizzare il sessismo - spiega ancora - né voglio cedere alla facile tentazione di richiamare fatti di cronaca che quotidianamente vedono donne subire i gesti insani di qualche mente disturbata, ma credo che sia tempo che la stampa si assuma le proprie responsabilità e svolga il ruolo dell'informazione secondo i consueti canoni di verità e correttezza evitando di trasmettere messaggi (in internet si generano come una forma di virulenta epidemia) che possono sortire effetti devastanti nelle menti più labili".

Dopo essersi scusata con i giornalisti che svolgono questo mestiere con "consapevolezza, impegno e preparazione", dice di essere "decisa ad andare fino in fondo e denunciare qualunque ripugnante imbrattatore di giornali dovesse cedere alla tentazioni di denigrarmi in maniera così immotivata e gratuita e di porre in pericolo la mia stessa incolumità personale!". "Credo che questa non sia una battaglia personale ma una conquista di civiltà", scrive sui social in una lettera firmata insieme al suo avvocato Marcello D'Onofrio.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza