Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Fuortes lascia la Rai, presto il successore

Fuortes lascia la Rai, presto il successore

L'ad: "Non ci sono più le condizioni". Insorge l'opposizione

ROMA, 09 maggio 2023, 12:02

Michele Cassano

ANSACheck

L 'amministratore delegato della Rai, Carlo Fuortes - RIPRODUZIONE RISERVATA

L 'amministratore delegato della Rai, Carlo Fuortes - RIPRODUZIONE RISERVATA
L 'amministratore delegato della Rai, Carlo Fuortes - RIPRODUZIONE RISERVATA

Si chiude con un anno di anticipo il mandato dell'amministratore delegato Rai, Carlo Fuortes, che ha deciso di rassegnare le dimissioni prendendo atto che - come spiega in un comunicato - "non ci sono più le condizioni per proseguire". Ora il governo Meloni può archiviare la gestione figlia dell'esecutivo guidato da Mario Draghi e nominare, probabilmente già questa settimana, uomini di propria fiducia al vertice della tv pubblica. La settimana scorsa il Consiglio dei ministri aveva approvato un decreto che sembrava aprire le porte del Teatro San Carlo a Fuortes, determinando la decadenza del sovrintendente Stephane Lissner. Quel percorso è apparso però subito in salita, anche per il ricorso al giudice del lavoro annunciato dal direttore francese, mentre a Viale Mazzini incombevano i palinsesti autunnali e cresceva la pressione dell'esecutivo per accelerare sul piano industriale. "Dall'inizio del 2023 sulla carica da me ricoperta e sulla mia persona si è aperto uno scontro politico che contribuisce a indebolire la Rai", denuncia ora l'Ad, aggiungendo di aver registrato in cda "il venir meno dell'atteggiamento costruttivo che lo aveva caratterizzato". "Non posso - prosegue -, pur di arrivare all'approvazione in cda dei nuovi piani di produzione, accettare il compromesso di condividere cambiamenti, sebbene ovviamente legittimi, di linea editoriale e una programmazione che non considero nell'interesse della Rai". 

Una presa di posizione che fa insorgere il Movimento 5 Stelle e l'Usigrai che chiedono a Fuortes di chiarire sulle pressioni ricevute. Per gli esponenti del Pd in Vigilanza si tratta di "un'epurazione a scopi politici", fatta solo per "fare il pieno di poltrone in Rai". Ricostruzioni negate da FdI che parla di "una scelta, al di là di ricostruzioni fantasmagoriche di alcuni organi di stampa, determinata dalla presa di consapevolezza delle difficoltà". Prende atto "con rammarico" delle dimissioni la presidente Rai, Marinella Soldi, auspicando che adesso ci sia "un clima di collaborazione da parte di tutti gli stakeholder, diverso dalla nociva incertezza che ha caratterizzato questi ultimi tempi". Spetta ora al ministero dell'Economia, azionista della Rai, indicare il successore che verrà designato poi dal Consiglio dei ministri, forse già giovedì. Successivamente toccherà all'assemblea degli azionisti fare la proposta al consiglio di amministrazione, al quale spetterà poi la nomina definitiva. Secondo le indiscrezioni, per il ruolo dovrebbe essere scelto il direttore di Radio Rai, Roberto Sergio, che potrebbe poi indicare come direttore generale l'ex consigliere, in quota Fratelli d'Italia, Giampaolo Rossi.

La prima urgenza in Rai è l'approvazione dei palinsesti autunnali che saranno presentati a luglio, poi si dovrebbe aprire anche il capitolo nomine. I nomi già circolano, anche se è presto per tracciare un quadro preciso. Da assegnare ci sono le caselle della Direzione Approfondimento e del Coordinamento editoriale, che Antonio Di Bella e Giuseppina Paterniti lasceranno per raggiunti limiti di età: la prima potrebbe andare a Paolo Corsini o a Nicola Rao se dovesse lasciare il Tg2, mentre Monica Maggioni sembra indirizzata sulla seconda. In ballo c'è, infatti, l'arrivo al suo posto al Tg1 del direttore dell'Adnkronos Gian Marco Chiocci, stimato dalla premier. Per il Tg2 c'è invece in corsa Antonio Preziosi, gradito a Forza Italia, che lascerebbe la guida di Rai Parlamento a Giuseppe Carboni, l'ex direttore del Tg1, attualmente senza incarico. La Lega sarebbe favorevole al trasferimento di Marcello Ciannamea all'Intrattenimento Prime Time al posto di Stefano Coletta, nel mirino già dal Festival di Sanremo. Da assegnare anche la direzione di Rai Sport, lasciata vacante da Alessandra De Stefano, che potrebbe andare al direttore del Gr Radio, Andrea Vianello. Si prospettano anche diversi cambi di conduzione delle trasmissioni di informazione e intrattenimento, ma gli occhi sono puntati principalmente sul futuro di Fabio Fazio che ha il contratto in scadenza e viene dato in uscita per condurre un nuovo programma sul Nove. Del suo rapporto con la Rai dovrebbe occuparsi il cda in programma il 18 maggio.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza