Morto Gianni Mura, cantore dello sport e del cibo

Firma di Repubblica, si è spento per un improvviso attacco cardiaco

Era un Maestro per tutti coloro che fanno il suo stesso mestiere. Gianni Mura, scomparso oggi a 74 anni, aveva raccolto il testimone di sommo narratore di sport da un altro che, come lui aveva scritto pagine indelebili e aveva il suo stesso nome: Gianni Brera. Con il quale Mura condivideva anche la passione per la buona tavola, e per il vino inteso innanzitutto come cultura da studiare, e poi spiegare. Non a caso, firmava anche rubriche enogastronomiche. 

 

 

 

 

 

 

Imperdibile, per gli amanti del genere il suo libro "Non c'è gusto', un tour nella società italiana "delle trattorie, spina dorsale di questo Paese", ovviamente riferito all'Italia. Nessuno come lui ha raccontato il ciclismo, in particolare il Tour de France (la prima volta lo seguì che aveva appena 21 anni), e chi amava questo sport non poteva proprio fare a meno di leggerlo. E proprio nella grande corsa a tappe d'Oltralpe era ambientato uno dei suoi romanzi, "Giallo su giallo", scritto nel 2007.

Addio al poeta dello sport

 

Conversatore e piacevole, mai banale, sapeva molto di calcio ma non faceva mai trasparire la propria passione, così come dovrebbe essere. Ma anche lui aveva una sua squadre del cuore, che era l'Inter. Un giorno però volle puntualizzare che "tifavo Inter fino alla cessione di Angelillo. Ora non sono più interessato, anche se mi riservo la possibilità di appassionarmi alle squadre minori. Mi piace l'Atalanta".

Mura durante la trasmissione televisiva 'Che tempo che fa'

Una volta si lasciò andare rivelando quali fossero stati i suoi campioni preferiti: "Mennea, Sara Simeoni, Riva e Scirea". Uno che invece detestava "è stato Mourinho". Celebri anche certe sue frasi come "lo sport avrà tanti difetti, ma a differenza della vita nello sport non basta sembrare, bisogna essere". O anche "diceva un allenatore argentino: metto in campo benissimo i giocatori, il guaio è che poi si muovono". E ancora: "prima che in bravi o cattivi, i giornalisti si distinguono in: con la gastrite o senza". Le ritirava fuori nei momenti di pausa dal lavoro, con quel sorriso da persona mite qual era. Il calcio di oggi non gli piaceva più, "perché i giocatori di oggi sono inavvicinabili, e se li avvicini ti dicono tre banalità". Ma continuava a scriverne con passione e competenza e con quel tocco da fuoriclasse della tastiera. Però non gli passava il magone per il fatto che il gioco fosse diventato troppo calcolatore e attendista "per cui fare un dribbling è quasi una colpa". 

 

La Lega di Serie A, in una nota, ha espresso, a nome di tutti club, cordoglio per la scomparsa di Gianni Mura "celebre firma sportiva che ha raccontato con grande capacità ed esperienza le storie del calcio, e dello sport in generale, durante la sua lunga carriera", si legge in una nota. La Lega Serie A, a nome di tutte le Società, esprime il proprio cordoglio per la scomparsa di un professionista "sempre in grado di fornire un punto di vista attento e competente alle vicende del nostro mondo".

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie