Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

U2 riscrivono la loro musica in "Songs of surrender"

U2 riscrivono la loro musica in "Songs of surrender"

L'album anticipato da una nuova versione di "Pride"

ROMA, 11 gennaio 2023, 20:15

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

C'era un tempo in cui questo tipo di repertorio era la manna dei collezionisti, erano i tempi dei bootleg fatti di preziose "alternative takes" o di versioni acustiche che acquistavano un sapore quasi mitico. L'avvento del digitale e anche la consapevolezza che nei cataloghi, negli armadi e nei cassetti ci sono dei tesori, hanno trasformato questo repertorio "collaterale" in una produzione ufficiale.
    Gli U2 sono andati più in la: hanno deciso di rileggere il loro repertorio più celebre, creando loro, oggi, versioni alternative proprio di quei pezzi che li hanno portati nella storia del rock. Basta ascoltare "Pride: in The Name of Love", il singolo che anticipa la pubblicazione di "SONGS OF SURRENDER", una collezione di 40 brani, scelti tra i più importanti del catalogo degli U2, ri-registrati e ri-immaginati per il 2023. La prima impressione è quella di un provino: chitarra acustica, la voce di Bono quasi baritonale, niente batteria e soprattutto nulla dell'epica rock tipica degli U2.
    Per i collezionisti sarebbe una scoperta, ma molto diverso è il fatto che questa versione sia stata suonata oggi e che fa parte di un progetto il cui obiettivo è proprio rileggere, in certi casi riscrivere, il repertorio.
    Come indossare una maschera con gli occhiali e il naso finti o come quella di Zorro, sperando che nessuno ti riconosca.
    Se pensiamo a Bono che ha detto di vergognarsi di alcuni dei brani degli U2 e aggiungiamo questa irresistibile voglia di rileggere la propria storia, possiamo facilmente arrivare a una crisi di identità.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza