Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Sputi e insulti contro Cantat a Grenoble

Sputi e insulti contro Cantat a Grenoble

Folla contro cantante che uccise Marie Trintignant, 'assassino'

PARIGI, 14 marzo 2018, 12:58

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Sputi, insulti, lancio di oggetti.
    Bertrand Cantat, l'ex cantante dei Noir Desir che nel 2004 uccise a botte in una stanza d'albergo la compagna Marie Trintignant, figlia del celebre attore Jean-Louis, torna a suscitare indignazione e proteste in Francia. Il 13 marzo, prima di un suo concerto a Grenoble, l'uomo ha cercato di parlare con alcuni manifestanti che protestavano dinanzi all'ingresso del locale La Belle Électrique. Ha però dovuto fare marcia indietro protetto dal servizio d'ordine, mentre la folla gridava "assassino", "assassino". Su Facebook, il cantante - che dopo aver scontato la sua pena rivendica il diritto al "reinserimento" in società - denuncia uno "scatenamento di violenza, di insulti, una pioggia di colpi, nessuna possibilità di discutere, violenza, soltanto violenza". La pensa diversamente la madre di Marie Trintignant, la ragazza uccisa, recentemente invitata su France 2. Per lei è "vergognoso, indecente, schifoso che (Cantat) possa andare in scena".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza