Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Libri, 1970, romanzo di un anno irripetibile

Libri, 1970, romanzo di un anno irripetibile

Il Messico, i Beatles e la rivoluzione in 12 mesi

05 aprile 2023, 17:53

Redazione ANSA

ANSACheck

Libri: 1970, romanzo di un anno irripetibile - RIPRODUZIONE RISERVATA

Libri: 1970, romanzo di un anno irripetibile - RIPRODUZIONE RISERVATA
Libri: 1970, romanzo di un anno irripetibile - RIPRODUZIONE RISERVATA

"Il Messico è tutta un'ombra, alla lunga ti corrode". C'è il Messico e non solo nel libro del giornalista Adolfo Fantaccini, professionista che vive e mastica il giornalismo d'agenzia e ha sperimentato a lungo anche il giornalismo del quotidiano. Nell'anno chiave di questo libro, il 1970 era proprio quest'ultima la veste che indossava, da inviato. Il Messico è stato a lungo per Fantaccini un ricordo sopito, conservato nel suo cassetto della memoria e a farlo emergere è stato lo stand-by dovuto alla pandemia da Covid-19, il lockdown.

Il 1970 in questo libro si apre con i Campionati del Mondo di calcio, quelli che "potevano essere seguiti in diretta in ogni angolo del pianeta - scrive Fantaccini - grazie alla trasmissione via satellite. Già questa era una rivoluzione epocale, nelle teletrasmissioni e nel modo di vivere un fenomeno sportivo. Dal Messico in avanti, nulla sarebbe stato più come prima". Il Messico da competizione sportiva si fa categoria e diventa uno stato mentale, partendo dalle fluttuazioni del meteo (quello vero di grandi escursioni termiche), passando per le vicende calcistiche, per le tecniche e i tempi (vivi e morti) del lavoro dell'inviato, per le giornate in attesa degli eventi, per i viaggi all'inseguimento delle partite, per lo studio delle squadre, dei caratteri, delle storie dei calciatori e anche per la musica perché quando c'è poco da scrivere, in attesa che il pallone rotoli in campo, i giornalisti lavorano lo stesso e possono avere - ed è il caso dell'autore - come compagna di viaggio la musica.

Nel 1970 erano i Beatles, sebbene già sciolti come gruppo con "Lennon e Paul McCartney ai ferri corti e una Yoko Ono di troppo". In quell'anno si ascoltava la musica che ha segnato i decenni successivi ed è anche il periodo dei grandi eventi da Woodstock del 1969, alle tre edizioni dell'Isola di White, l'ultima delle quali proprio nel 1970 e poi come un coniglio che spunta da un cilindro, un evento italiano "anomalo": il "Palermo pop", una tre giorni in cui si esibirono Aretha Franklin, il 'duca' Duke Ellington, Kenny Clarke, Tony Scott, Johnny Hallyday. Una rivoluzione, come il Messico, come i Beatles, come il 1970.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza