Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Esce nuovo libro di Amparo Dávila, regina del brivido

Esce nuovo libro di Amparo Dávila, regina del brivido

'Morte nel bosco' dal 28 febbraio in libreria

ROMA, 20 febbraio 2023, 10:15

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

AMPARO DÁVILA, 'MORTE NEL BOSCO E ALTRI RACCONTI', (SAFARÀ, PP. 274, EURO 19) Arriva in libreria una nuova raccolta dei 'cuentos' di Amparo Dávila, regina del perturbante. La scrittrice sudamericana è una delle più grandi maestre del racconto. Negli ultimi tempi la sua opera ha riscosso enorme successo. È apprezzata da giovani autrici come la statunitense Carmen Maria Machado che paragona le storie della Dávila ai film di Hitchcock. Amparo Dávila è considerata la Shirley Jackson del Sud America ma in lei c'è chi rintraccia anche echi di Kafka e della giapponese Ogawa. 'Morte nel bosco' pubblicato dalla casa editrice friulana Safarà - traduzione di Giulia Zavagna -, è un libro ghiotto per i fan dell'horror e del fantastico. La Dávila, scomparsa nel 2020 all'età di 92 anni, era molto stimata da colleghi del calibro di Borges e Julio Cortázar. Con una penna affilata e ammaliante Dávila conduce il lettore in un viaggio da brivido negli angoli più oscuri dell'anima. Come accade nel racconto che dà il titolo al libro in cui un uomo, imprigionato in un matrimonio infelice, in preda a pensieri angoscianti, sente di precipitare in un pozzo senza fondo, immagina di trasformarsi in albero e sente addosso le asce dei boscaioli. O la storia di una certa signorina Julia gentile e all'antica che improvvisamente di notte non riesce più a chiudere occhio a causa di strani rumori. Crede di avere casa infestata dai topi e inizia a comprare ogni sorta di veleno.
    L'insonnia la porterà alla rovina fin quando aprendo l'armadio non scoprirà una sorpresa terrificante. Storie di inestinguibile fascino che restano a lungo nella mente del lettore. Dávila nel corso della sua carriera è stata insignita della Medalla Bellas Artes nel 2015 e del premio Xavier Villaurrutia nel 1977.
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza