Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Libri: "Il polentone", Guardì racconta la 'piazza' in un romanzo

Libri: "Il polentone", Guardì racconta la 'piazza' in un romanzo

Un giallo tra ironia e arguzia alla Camilleri

PALERMO, 12 febbraio 2023, 15:07

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"IL POLENTONE" DI MICHELE GUARDI', (BALDINI + CASTOLDI, PP. 143, EURO 17).
    Lo hanno definito "La televisione", ed in effetti quando si parla di programmi tv di successo non si può fare a meno di pensare a lui: Michele Guardì, regista e autore di alcuni format che appartengono ormai alla storia della Rai. A cominciare da "I fatti vostri", il programma che da 33 anni non ha rivali nella fascia di mezzogiorno e che ha rappresentato un trampolino di lancio o la consacrazione definitiva per conduttori e giornalisti: da Fabrizio Frizzi a Gincarlo Magalli, da Alberto Castagna a Massimo Giletti fino a Salvo Sottile.
    Guardì, nato a Casteltermini, in provincia di Agrigento, ripete spesso di avere portato in televisione la piazza del suo paese, raccontando i "fatti" di cui si discute ogni giorno. E un'operazione per certi versi analoga, ovviamente con la necessaria avvertenza che ogni riferimento a fatti o persone realmente esistiti è puramente casuale, il regista la fa cimentandosi con il suo ultimo romanzo "Il polentone". Un giallo che in alcune pagine sembra richiamare l'ironia e l'arguzia di un altro grande scrittore siciliano nato dalle stesse parti di Guardì e che, come lui, ha lavorato a lungo in televisione: Andrea Camilleri.
    Il romanzo è ambientato all'inizio degli anni Settanta, a Castroianni, un piccolo paese della Sicilia che, per mancanza di litio nell'acqua corrente, registra il più alto tasso di pazzi di tutta la provincia. Dal momento che la locale sezione della Democrazia Cristiana (ma il litio non c'entra) è sospettata di reggersi su un tesseramento fasullo, viene mandato da Roma il funzionario torinese Graziano Bobbio per indagare sui brogli.
    Presa dallo sconforto Rosalia Calì - la ricca e avida "Sindachessa", che fino a quel momento ha gestito indisturbata una redditizia attività di mazzettara - per salvare la poltrona del segretario politico e con quella anche la sua di sindaco, forzando la sua natura intrinsecamente frigida, si costringe a sedurre il polentone. Il piano funziona. L'imbroglio sul tesseramento viene coperto. E in meno di tre mesi i due convolano addirittura a nozze - complice anche la dote di novanta ettari di terreno, grazie alla quale "il polentone" conta di dimenticare il misero stipendio da funzionario. Ma le cose si complicano quando il novello "signor Calì", per sfuggire alla insoddisfacente vita matrimoniale, si trasferisce in campagna, dove trascorre il tempo con Tatano, suo ex commilitone, e con Celestina, bella ventenne nota per le sue esagerate prodezze sessuali. E mentre tutti in paese cominciano a spettegolare sui loro rapporti, arriva il colpo di scena: "il polentone" è stato rapito e per pagare il riscatto la moglie dovrà scucire tutte le mazzette faticosamente conquistate a suon di appalti.
    Più che un romanzo, come si legge nella seconda di copertina, una commedia degli equivoci: esilarante per certi versi, dolceamara per altri, in cui due storie (quasi) d'amore si sovrappongono ingarbugliandosi. Ma anche il ritratto di un'Italia provinciale nella quale nessuno si salva. Guardì mette a confronto nel suo libro due mentalità profondamente diverse, incistate nella storia d'Italia: "Un polentone stava ribaltando il mito della furbizia araba che a Castroianni, fino a quel momento, avevano ritenuto un caposaldo esclusivo del patrimonio genetico siciliano...".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza