Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Edith Bruck, 'continuo a testimoniare per i giovani'

Edith Bruck, 'continuo a testimoniare per i giovani'

"Tutto è importante perché si riflette sulla nostra vita"

FIRENZE, 08 maggio 2023, 19:10

Redazione ANSA

ANSACheck

Edith Bruck, 'continuo a testimoniare per i giovani ' - RIPRODUZIONE RISERVATA

Edith Bruck,  'continuo a testimoniare per i giovani ' - RIPRODUZIONE RISERVATA
Edith Bruck, 'continuo a testimoniare per i giovani ' - RIPRODUZIONE RISERVATA

"Oggi si parla soltanto della guerra che abbiamo dietro la porta, ma penso che tutte le guerre e tutte le ingiustizie ci riguardano, anche se sono molto lontane da noi, perché si riflettono sulla nostra vita, sulla nostra economia. Tutto è importante e tutto ci riguarda, ciascuno di noi". Lo ha detto Edith Bruck, sopravvissuta alla deportazione nei campi di concentramento e poi scrittrice, a Firenze. Dopo aver incontrato il sindaco Dario Nardella a Palazzo Vecchio, Edith Bruck ha partecipato a un convegno dell'università di Firenze a lei dedicato. "Giro l'Italia da oltre 60 anni per raccontare ai ragazzi il mio vissuto e nonostante la grande fatica che faccio mi ripagano con le loro lettere, con i loro fiori, credo che sia molto importante - ha anche detto -. Vado avanti perché secondo me è sempre attuale, siamo sempre coinvolti nelle guerre, nel fascismo, nel razzismo, credo che i ragazzi abbiano bisogno di sapere quindi vado avanti anche se con molta fatica". "Mi sono sempre detta che se riesco a cambiare 10 persone, almeno ha senso la mia sopravvivenza - ha aggiunto - Per me è veramente un dovere. Tutti mi dicono che devo imparare a dire di no, ma non ci riesco quindi sono qua e sono dappertutto in Italia".
    La scrittrice ha sottolineato: "Siamo rimasti in pochi a fare testimonianza", "siamo rimasti due-tre e poi ci sono quelli che non lo fanno più", ma "quando i giornali scrivono che sono l'ultima dei testimoni mi secca molto". Edith Bruck ha iniziato a scrivere "nel 1946 in ungherese, pochissimo, perché alla Liberazione non siamo state né accolte, né ascoltate. Ma io scoppiavo di parole, quindi ho preso un pezzo di carta e ho cominciato a scrivere e da allora non ho mai più smesso".
    La rettrice Alessandra Petrucci ha consegnato a Edith Bruck una medaglia appositamente realizzata dallo scultore Sauro Cavallini. 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza