Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

E a noi?, un libro su ascesa, caduta e ribellione dei borghesi

E a noi?, un libro su ascesa, caduta e ribellione dei borghesi

Un reportage dal fronte della "guerra" alla "fu classe media"

ROMA (RM), 27 aprile 2023, 10:57

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

(di Francesco Bongarrà) GIULIANO GUIDA BARDI - E A NOI? ASCESA, CADUTA E RIBELLIONE DEI BORGHESI (SOLFERINO, PP. 223, 16,00 EURO).
    In un'Italia sempre più vecchia ed affannata, la borghesia, quella classe sociale che fu protagonista dell'incredibile boom economico del dopoguerra e portò il Paese da grande sconfitto della seconda guerra mondiale ad essere una delle sette potenze economiche del pianeta, è indubbiamente in crisi.
    I terribili anni del Covid hanno messo ancor di più in luce le tante contraddizioni del nostro Paese. Innanzitutto, quella tra "Garantiti" e "Coraggiosi", tra chi da una parte ha visto con occhi benevoli il lock-down perché il 27 del mese lo stipendio gli arriva comunque, e le partite iva, "ridotte alla fame dal blocco del sistema economico". O, ancora, quella tra i 28 milioni di persone che lavorano, nel pubblico o nel privato, in proprio o alle dipendenze e, dall'altra parte, quei 31 milioni tra pensionati, inoccupati, disoccupati che non possono produrre reddito. Tra chi ha la malattia pagata e chi va al lavoro anche con la febbre. Tra i giovani, che non avranno mai una pensione, e chi di pensione oggi ne somma più di una.
    Insomma, un paese diviso, in cui i benestanti di ieri sono proletarizzati e impoveriti, e i ricchi sono sempre più ricchi.
    Ma a chi ogni giorno alza la serranda, paga le tasse, affronta una corsa a ostacoli per mettere insieme il pranzo con la cena, combatte una burocrazia invadente, a questa classe sociale cosa rimane? E a noi? Con questa domanda, fatta da tutti i borghesi italiani, il giornalista Giuliano Guida Bardi offre un reportage informato, puntuale e caustico sulla condizione della middle class italiana.
    Il suo volume non contiene solo un cahiers de doléances, ma restituisce al lettore anche un racconto della "forza resiliente", dell'inventiva, della creatività e dell'ingegno italiano. Quello di Guida è un viaggio davvero imperdibile nella terra del "Ceto dei Coraggiosi", scritto con capacità narrativa e fascino di argomentazioni. Un volume che per l'autore vuol suonare come "un ultimo avviso ai naviganti, perché il grido di dolore dei borghesi italiani non rimanga inascoltato".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza