Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Libri: la guerra di Spagna nel diario di Ottorino Orlandini

Libri: la guerra di Spagna nel diario di Ottorino Orlandini

Documento inedito, uscirà il 15 febbraio

FIRENZE, 13 febbraio 2023, 13:56

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

""Noi non eravamo un esercito: eravamo delle orde di fanatici politici". Tutta la delusione per il fallimento delle Brigate Internazionali in Spagna, dovuto all'inadeguatezza dei comandanti, la mancanza di preparazione e coordinamento, e non ultima la conflittualità tra comunisti e anarchici italiani, emerge nelle pagine del diario di Ottorino Orlandini (1896-1971). Pubblicato col titolo Memoriale di una vita e tre guerre, a cura di Paolo Gizdulich, il documento finora inedito è una delle più dettagliate e toccanti testimonianze dell'esperienza italiana a fianco dell'esercito popolare nella guerra civile spagnola. Uscirà il 15 febbraio per i tipi della fiorentina Sarnus ('Diari&Memorie', 55).
    Orlandini, nato in provincia di Pisa da una famiglia contadina, di formazione clericale, fu volontario nella Grande Guerra, dove soffrì per l'esposizione ai gas asfissianti.
    Iscritto al Partito Popolare e a Giustizia e Libertà, sindacalista delle Leghe Bianche dal 1919, fu perseguitato dal fascismo e fuggì in Francia e poi in Spagna, dove combatté contro il franchismo a fianco, tra gli altri, di Carlo Rosselli.
    Rientrò in Francia nel 1939, in seguito all'espulsione dei volontari stranieri, e collaborò con la Resistenza parigina.
    Tornato a Firenze poco dopo l'8 settembre 1943, sarà anche catturato dalla Banda Carità, per poi fuggire e svolgere un ruolo determinante nella liberazione della città nell'agosto del 1944. Nel suo diario, suddiviso in trentadue episodi realmente vissuti dove gli spaccati di battaglie si alternano a scene di vita quotidiana, un ruolo di primo piano è riservato all'esperienza spagnola, ma non mancano riflessioni morali, sociali e sindacali sul periodo precedente la Liberazione in Europa e osservazioni sugli anni Sessanta, epoca in cui il testo fu scritto.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza